Home » Senza categoria

Pakistan: Asia Bibi, 29 Gennaio ’19 udienza per revisione assoluzione da condanna blasfemìa

Inserito da on 25 gennaio 2019 – 00:52No Comment

La Corte Suprema del Pakistan ha fissato per il 29 gennaio l’udienza sulla richiesta di revisione dell’assoluzione di Asia Bibi dalle accuse di blasfemia, avvenuta il 31 ottobre scorso.

Asia Bibi, una cristiana madre di 4 figli, è stata condannata a morte nel 2010 da un tribunale dello Stato di Punjab, ingiustamente

Otto anni dopo, nell’ottobre dell’anno scorso, i giudici della Corte Suprema l’hanno scagionata da qualsiasi accusa.

Come conseguenza, i radicali islamici hanno messo a ferro e fuoco il Pakistan protestando contro l’assoluzione di Asia Bibi. Questo ha obbligato il governo pakistano a concedere la revisione del verdetto della Suprema Corte.

Gli anni passati in prigione hanno profondamente segnato Asia Bibi. Lei ha subito privazione, torture e abusi. E malgrado la relativa giovane età, 48 anni, oggi soffre di demenza senile.

Malgrado sia stata liberata, Asia Bibi non ha potuto lasciare il paese. Si trova in una località di massima sicurezza. Della sua famiglia, solo il marito ha potuto riabbracciarla, al contrario delle quattro figlie.

Questa decisione della Corte Suprema del 29 gennaio è importante, non soltanto per Asia Bibi, ma per tutti i cristiani che, come Lei, sono stati ingiustamente condannati sulla base della cosiddetta legge di blasfemia nel Pakistan.

Secondo il “Rapporto sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo” di Open Doors, l’agenzia americana di aiuto ai cristiani perseguitati, nel Pakistan i gruppi radicali islamici sono corteggiati dai partiti politici, dall’esercito e dal governo. E questo naturalmente incoraggia le persecuzioni contro le minoranze religiose come i cristiani.

Il fatto è che anche quelli che hanno mostrato solidarietà ad Asia Bibi sono perseguitati, come il suo avvocato che ha dovuto scappare e trovare rifugio in Europa, più precisamente in Olanda.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.