Home » >> Politica

Roma: Governo, interrogazione on.Villani “Più incentivi per politiche sportive per disabili”

Inserito da on 17 ottobre 2018 – 08:28No Comment

La deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani è firmataria dell’interrogazione sull’incentivo allo sport per diversamente abili. Insieme ai colleghi Troiano (primo firmatario), Angiola, Bologna, Casa, Costanzo, D’arrando, Lapia, Lattanzio, Lombardo, Maraia, Menga, Nappi, Nitti, Parentela, Romaniello, Roberto Rossini, Sapia, Sarli, Sportiello, Testamento, l’On. Villani chiede al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro per la famiglia e le disabilità, al Ministro della salute dimettere in campo pratiche che possano sostenere le sport per coloro che hanno delle disabilità.

 Ecco il testo dell’interrogazione:

“Secondo la legge 5 febbraio 1992, n. 104, la Repubblica garantisce il pieno rispetto della dignità umana e i diritti di libertà e di autonomia della persona disabile e ne promuove la piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società e previene e rimuove le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo della persona umana, il raggiungimento della massima autonomia possibile e la partecipazione della persona disabile alla vita della collettività, nonché la realizzazione dei diritti civili, politici e patrimoniali – si legge nell’interrogazione parlamentare del MoVimento 5 Stelle – Sempre per la stessa legge, articolo 23, l’attività e la pratica delle discipline sportive sono favorite senza limitazione alcuna. E le regioni e i comuni, i consorzi di comuni e il Comitato olimpico nazionale italiano (Coni) realizzano, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di eliminazione delle barriere architettoniche, ciascuno per gli impianti di propria competenza, l’accessibilità e la fruibilità delle strutture sportive e dei connessi servizi da parte delle persone disabili; con la legge 15 luglio 2003, n. 189, «Norme per la promozione della pratica dello sport da parte delle persone disabili» si individua la Federazione italiana sport disabili quale Comitato italiano paraolimpico per l’organizzazione e la gestione delle attività sportive praticate dalle persone disabili – continuano i deputati grillini – La pratica sportiva più volte ha ottenuto validazioni scientifiche sul proprio ruolo sociale e psicologico per migliorare le condizioni di vita delle persone disabili e questo può generare risultati positivi per quanto riguarda le politiche di integrazione e di compliance del paziente; la pratica sportiva si è dimostrata un’azione virtuosa per il contenimento delle spese sanitarie e per l’efficientamento dei servizi socio-sanitari offerti. I deputati quindi si chiedono “quali iniziative, anche in sinergia con le regioni, le province autonome e con i comuni, si intendano porre in essere per sviluppare le politiche dello sport per disabili sul territorio nazionale”.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.