Home » Varie

Alfabeto Speciale: N…come NATURA

Inserito da on 13 ottobre 2018 – 00:00No Comment

Padre Oliviero Ferro  

Quando vado in un posto nuovo, la prima cosa che mi colpisce è l’ambiente e la natura che lo circonda. Se poi vai in Africa, per la prima volta, ti accorgi che è tutto diverso dal piccolo paese dove tu sei nato. E allora comincia a fare l’esploratore, a meravigliarti di tutto quello che vedi. Poi se vieni destinato a una missione, il tuo luogo di servizio, ti accorgi che ci sono tante cose da conoscere. Essendo stato destinato al CONGO RDC, nella Regione del Kivu (quella dei grandi laghi), sono capitato a Baraka ( che vuol dire benedizione ed era il luogo dove i mercanti arabi radunavano gli schiavi per poi portarli in Tanzania e infine in Arabia). Siamo sulle sponde del lago Tanganika (650 km. di lunghezza, 40 di larghezza e 1,5 d profondità).

E’ ricchissimo di pesci, dal più piccolo (lo ndagala) al più grande (1,5 m.) chiamato “capitaine”. Naturalmente non ero là per fare il turista, ma il missionario e metà della nostra parrocchia (130 km.) era dall’altra parte del lago (nella penisola dell’Ubwari) e quindi bisognava utilizzare un battellino per andare a trovare i cristiani. Anche se venivo dalle colline del monte Rosa e non sapevo nuotare, ho dovuto fare buon viso a cattiva sorte.

Farmi il primo viaggio (safari) sul lago, insieme a due giovani (i conduttori del battellino) e costeggiare tutta la penisola fino al confine di regione (130 km.). Ma ne è valsa la pena, ve l’assicuro. La prima cosa bella, oltre al contatto con la gente, era il paesaggio: spiagge bellissime e silenziose, acqua pulita, tanta vegetazione e orizzonti immensi. Vedere il sole nascere e tramontare sul lago e la luna che prendeva il suo posto era qualcosa di speciale.

Naturalmente c’erano dei disturbatori acquatici: coccodrilli e ippopotami. Invece nelle capanne, dove il pesce, che era stato messo a seccare sulla spiaggia, veniva raccolto, dava anche ospitalità a processioni di topi affamati. Ma ognuno rispettava l’altro, solo che a volte prendevano delle scorciatoie e passavano sopra i letto dove ti stavi addormentando. C’è sempre qualcosa che mi ricordo. In un viaggio di ritorno, il sole stava tramontando, rosso (forse per la fatica di aver lavorato tutto il giorno) e piano piano arrivava la luna. Dopo poco, i suoi raggi argentati, facevano luccicare le acque del lago e come per incanto, tutti i pesci vengono a galla e si mettono a saltare come se fosse una festa.

Qualcosa di speciale, di inimmaginabile, ma che ti rimane per sempre. Poi il riposo sulla sabbia delle spiagge, le onde che si infrangono sugli scogli e il silenzio, rotto da qualche canto dei pescatori. Tutte cose che ti si offrono gratis, quasi un grazie per il lavoro che tu fai per loro. E il medesimo panorama, lo contempli da lontano quando Sali sulle montagne della parrocchia. Soprattutto alla sera, ti riempi gli occhi con il tramonto del sole e al risveglio lo vedi che ritorna tutto allegro per illuminare il nuovo giorno. Naturalmente in questa natura ci sono tante avventure da ricordare: il passaggio del fiume con il fuoristrada con il rischio di finire nel lago, il passaggio dei ponti dove spesso mancano le travi e ti trovi solo due binari in ferro, il restare impantanato durante la stagione delle piogge…

E poi vedi che le cose, anche se sembrano complicate quasi impossibili da risolvere, arriva sempre qualcuno che ti dà una mano per uscirne fuori (magari tutto sporco di fango dopo ore di lavoro). Ci vuole pazienza. Se non si arriva oggi, lo si potrà fare domani. L’importante è camminare. Il giorno è nelle nostre mani e la natura che ci circonda ci mette in contatto con Chi l’ha creata e che magari, vedendo tutti i nostri sforzi, non si dimentica di mandare qualche angelo come “pronto soccorso”…

 

 

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


sette + = 12