Home » Senza categoria

Caserta: “Un’Estate da Re” alla Reggia La Dirindina

Inserito da on 6 luglio 2018 – 06:42No Comment

Sabato 7 luglio ore 21.00 – Aperia- Musica di Domenico Scarlatti- Libretto di Gerolamo Gigli

Ancora grande musica sotto le stelle per Un’Estate da Re che prosegue all’Aperia della Reggia di Caserta. Dopo il consenso riscosso in occasione della Nona di Beethoven e de Il Campanello dello speziale di Donizetti, sarà La Dirindina ad intrattenere gli spettatori sabato 7 luglio alle ore 21 nei giardini inglesi della Reggia vanvitelliana.
Lo spettacolo si annuncia brioso e spumeggiante. Sul podio Maurizio Agostini, impegnato a dirigere il Quintetto d’archi del Teatro di San Carlo (composto da Cecilia Laca, Luigi Buonomo, Antonio Bossone, Luca Signorini, Ermanno Calzolari), e Livia Guarino al basso continuo. Riccardo Canessa firma la regia mentre i costumi sono di Concetta Nappi. La revisione critica e gli inserti musicali sono di Ivano Caiazza. Il cast vocale sfoggia Sonia Ciani nei panni della vispa Dirindina, Carlo Torriani in quelli di Don Carissimo e Enrico Iviglia nel ruolo di Liscione. La voce recitante è di Lara Sansone.
Scritta per la Stagione di Carnevale 1715 del Teatro Capranica di Roma, La Dirindina, piccolo gioiello musicale di Domenico Scarlatti, subì il taglio della censura a causa delle intemperanze del testo. Il librettista Girolamo Gigli, aveva scritto un testo che denunciava, attraverso un’avvincente linguaggio satirico, le cattive abitudini del teatro musicale e il falso moralismo impersonato in particolare dalla figura di Don Carissimo. La freschezza della partitura di Scarlatti corrisponde puntualmente alle occasioni comiche offerte dal libretto, esaltato sul piano drammaturgico dalla vivacità e leggerezza ritmica della musica scarlattiana.
Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta e al Belvedere di San Leucio” è promossa dalla Regione Campania, organizzata dalla
Scabec Spa in collaborazione con la Reggia di Caserta e il Comune di Caserta, sotto la direzione artistica di Antonio Marzullo, con la partecipazione artistica del Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Salerno.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.