Home » • Valle dell'Irno

Baronissi: RC, presidio per la Palestina

Inserito da on 15 maggio 2018 – 04:57No Comment

Nel giorno del festeggiamento dei 70 anni dello stato di Israele, la coincidenza dell’inaugurazione dell’ambasciata U.S.A con la presenza di Trump e del suo vice, formalizza la scelta che Gerusalemme è la capitale di Israele. La violenza israeliana nei confronti di un popolo non si arresta. In questo momento si registrano altri 10 morti e 512 feriti che si aggiungono ai 60 assassinati nella giornata di ieri. Questi fatti ci fanno capire l’urgenza di costruire ponti di pace. Per questo stasera simbolicamente alle ore 19:00 ti invitiamo a prendere parte al presidio per la pace e in solidarietà con il popolo palestinese che si terrà di fronte al comune di Baronissi. Interverrà uno studente palestinese di medicina che vive a Baronissi.

Di seguito una dichiarazione di VITTORIO AGNOLETTO di ieri: Lo Stato che viene esaltato dai governi occidentali come l’unica democrazia del Medio Oriente, il governo che l’Italia ha scelto come partner per celebrare l’avvio del Giro d’Italia, oggi si è reso responsabile della morte di 52 palestinesi e del ferimento di oltre 2400 persone. Qualunque altra nazione si fosse resa colpevole di un così alto numero di omicidi, perché di questo si tratta, considerata l’assoluta disparità di forze tra chi manifestava per i propri diritti e che giocava al tiro al piccione con la vita di altri esseri umani, sarebbe stata immediatamente condannata da tutta la comunità internazionale e sarebbe stata oggetto di dure sanzioni. Tutti, tranne Israele, che può impunemente continuare ad infischiarsene delle risoluzioni internazionali e della Dichiarazione Universale dei diritti Umani. Quando Trump ha scelto di spostare l’ambasciata USA a Gerusalemme era ben consapevole di quali reazioni avrebbe scatenato e quanto sarebbe costato in termini di vite umane; l’amministrazione statunitense è corresponsabile di ognuna di queste morti. E’ disgustoso assistere sui nostri schermi a giornalisti che, di fronte alla strage odierna, discettano di terrorismo accostandolo alla lotta di un popolo che si batte per la propria indipendenza e per la propria dignità. Rilanciamo la nostra solidarietà concreta con il popolo palestinese: adozioni a distanza dei bambini palestinesi, boicottaggio dei prodotti israeliani, sostegno concreto ai progetti di aiuto umanitario e sanitario ai palestinesi rinchiusi nella striscia di Gaza, un’immensa prigione a cielo aperto.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


+ nove = 12