Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

Ravello: tappa ProPEACE (Progetto per un Patrimonio Europea e un Avvenire Culturale Insieme)

Inserito da on 14 aprile 2018 – 04:33No Comment

Esiste un patrimonio culturale che può definirsi “europeo”? E, nel caso, valorizzarlo può contribuire a rafforzare l’identità dell’Europa? Come possono contribuire le Università e le istituzioni culturali?

A tali questioni vuole dare risposta “ProPEACE -  Progetto per un Patrimonio EuropeO e un Avvenire Culturale Insieme”, un progetto finanziato dall’Unione Europea, che coinvolge 5 Università europee, di Francia, Islanda, Olanda, Romania e Spagna; 2 extraeuropee, Canada e Israele; 3 istituzioni culturali ed economiche, dell’Italia (rappresentata dal Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, di Ravello), Romania e Scozia.

Ed è a Ravello, nella splendida cornice della Villa Rufolo,  che dal 16 al 20 Aprile si svolgerà uno dei seminari previsti dal Progetto. Lunedì 16, a dare il benvenuto a Ravello e in Italia ai partecipanti  (25 studenti e 12 professori provenienti da tutta Europa) sarà il Presidente del Centro, Alfonso Andria. A seguire si passerà al tema principale della tappa ravellese del progetto: il ruolo della Costiera Amalfitana nella formazione della cultura europea con una lectio magistralis del Prof. Dieter Richter, dell’Università di Brema e membro del Comitato Scientifico del Centro, che parlerà della Costiera e dei suoi illustri visitatori all’epoca del Grand Tour, il pellegrinaggio nelle città e nei siti archeologici italiani, passaggio obbligato nell’educazione dei nobili ed intellettuali europei nei secoli XVIII-XIX. Nei giorni successivi si svilupperanno i lavori con, tra gli altri, la Dott.ssa Matilde Romito, già Direttrice dei Musei Provinciali di Salerno e anch’essa membro del Comitato Scientifico del Centro, che illustrerà le vicende delle colonie di artisti europei che hanno operato in Costiera nella prima metà del Novecento.

Ad integrazione delle usuali attività di formazione il Centro Universitario ha organizzato la presentazione di altri aspetti della nostra cultura: una “cena-seminario” con la presentazione dell’evoluzione della pizza ‑ da quella bianca, consumata prima che dalle Americhe il pomodoro arrivasse in Europa, alla marinara, alla margherita -  e la degustazione dei prodotti tipici della nostra area: la mozzarella di Battipaglia, il fiordilatte e il Provolone del Monaco di Agerola, il vino Tintore, la pastiera e la pasticceria al limone.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


nove + = 10