Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

Cava de’ Tirreni: a Il Moro jazz con Amedeo Ariano “triplets” Feat Tandoi e Bulgarelli

Inserito da on 30 marzo 2018 – 04:00No Comment

Venerdì 30 marzo alle ore 22,00 il trio formato da Amedeo Ariano, Francesca Tadoi e Luca Bulgarelli presentano in concerto al Jazz Club Il Moro di Cava de’ Tirreni (Sa) il nuovo disco Triplets, in cui proporranno brani inediti o standard riarrangiati, che partono dalla tradizione per arrivare alla modernità.Un concerto strumentale e vocale di noti standard americani da riassaporare in versione personale tutta da scoprire.

Un amore (artistico) a prima vista per i tre musicisti provenienti da Roma, Salerno e Teramo, ennesima testimonianza dell’universalità del linguaggio musicale. Si sono visti, piaciuti e in meno di un giorno hanno registrato un disco, “Triplets”, edito dall’etichetta giapponese Albore Jazz.

“Io e Bulgarelli – racconta il drummer salernitano – suoniamo insieme da diciotto anni. Luca è un musicista di grande gusto e di grandissima tecnica. Abbiamo sentito la Tandoi e ci è piaciuto molto il suo pianismo. Di qui la decisione di incidere con lei un disco di standard. Il progetto è piaciuto anche a lei. Ne è scaturito questo album pubblicato dalla Albore, una casa giapponese che lo diffonderà in tutto il mondo. Sono otto tracce di cui due anche cantate da Francesca”.

Da molti anni presente sulla scena, Amedeo Ariano è considerato sia dal pubblico che dalla critica uno dei più talentuosi batteristi e percussionisti italiani di jazz. Autodidatta, si è avvicinato alla musica da giovanissimo e ha all’attivo un’intensa attività concertistica al fianco di musicisti di fama mondiale, tra cui Johnny Griffin, Richie Cole, George Coleman, Larry Smith, Kirk Lightsey, Mulgrew Miller, Flavio Boltro, Stefano Di Battista, Lino Patruno, Danilo Rea, Max Ionata, Enrico Pieranunzi, Enzo Pietropaoli, i fratelli Deidda, e molti altri. Ha preso parte a numerose incisioni discografiche e a colonne sonore di film, ha partecipato a diversi programmi televisivi, ha suonato in numerosi festival del jazz italiani ed esteri, ha collaborato a un tour europeo di jazz con Lucio Dalla e si è esibito sia in concerto che in tv con Renzo Arbore. Dal 1998 è il batterista di Sergio Cammariere che, insieme a lui, ha conquistato nel 2003 il terzo posto al festival di San Remo e poi il Premio della Critica, il Premio Tenco, il Premio Imaie, il Premio Miglior Composizione e il Premio Miglior Concerto Live. Nel 2005 ha conquistato il primo posto della Categoria Gruppi Big al Festival di Sanremo con Niky Nicolai e Stefano Di Battista Jazz Quartet. Nel 2010 ha rappresentato il jazz italiano all’Expo di Shanghai con due formazioni e nel 2012 ha partecipato all’Expo di Yeosu in Corea. Dal 2011 fa parte del quintetto “Standard” di Enrico Rava e dallo scorso anno è docente di Batteria al Conservatorio di Frosinone e al Conservatorio di Parma.

Dopo aver studiato pianoforte dall’età di otto anni, Francesca Tandoi ha incominciato a sviluppare un particolare interesse per il jazz, diventando una grande ammiratrice di Oscar Peterson e di altri virtuosi pianisti swing della sua generazione e frequentando seminari con Barry Harris, Mulgrew Miller e Brad Mehldau. Ha completato i suoi studi in Olanda, dove nel 2013 si è diplomata in pianoforte con menzione speciale al Royal Conservatory dell’Aia e nel 2015 ha conseguito un Master al conservatorio di Rotterdam. Ha poi iniziato un’intensa attività concertistica che l’ha portata a esibirsi nei maggiori festival e teatri d’Europa e del mondo sia come pianista che come cantante. Ha lavorato e collabora con alcuni tra i maggiori esponenti del jazz contemporaneo, tra cui Joe Cohn, Scott Hamilton, Madeline Bell, e ha al suo attivo tre CD per un’importante etichetta giapponese. Nel 2016 è uscito il suo ultimo lavoro discografico “Triple Treat” in trio con la cantante americana Leah Kline e il leggendario sassofonista Scott Hamilton. La rivista giapponese “Jazz Life” l’ha definita uno dei più grandi talenti emergenti del jazz europeo.

Luca Bulgarelli, diplomato in contrabbasso, ha suonato nei più importanti festival jazz nazionali e internazionali, ha collaborato con tanti grandi del jazz tra cui Enrico Pieranunzi, Roberto Gatto, Enrico Rava, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Maria Pia De Vito, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Rita Marcotulli, Bob Mintzer, John Abercrombie, e della musica leggera, come Mimmo Locasciulli, Francesco De Gregori, Beppe Servillo, Paola Turc,i Daniele Silvestri, Gino Paoli, Sergio Cammariere, con cui ha inciso cinque album. Come sound designer e produttore del suono, ha realizzato diversi lavori per prestigiose etichette discografiche; attualmente è membro del quartetto di Roberto Gatto, del quartetto di Mariapia De Vito, del quartetto/quintetto di Fabrizio Bosso e collabora con Enrico Pieranunzi. È, inoltre, docente di contrabbasso jazz presso il conservatorio dell’Aquila e al Saint Music College di Roma.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.