Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Pontecagnano Faiano: amministrative, FdI, Antonio Anastasio candidato Sindaco

Inserito da on 29 marzo 2018 – 03:00No Comment

È Antonio Anastasio il candidato sindaco che Fratelli d’Italia Pontecagnano Faiano porterà sul tavolo del centrodestra unito. La decisione unanime del direttivo è stata ufficializzata questa mattina nel corso di una conferenza stampa. Contestualmente il capogruppo, Pasquale Lamberti, ed il candidato sindaco, Antonio Anastasio, hanno presentato i cinque punti programmatici che rappresentano la base per i futuri ragionamenti all’interno della coalizione. Questi nel dettaglio i cinque punti: • Riscossione tributi in capo al Comune con conseguente rimozione dell’”ex Equitalia” • Investimenti sulla sicurezza (impianti in videosorveglianza, vigilanza privata nelle ore notturne e diurne e potenziamento dell’organico della polizia municipale) attraverso l’eliminazione dei contributi alle associazioni e la riduzione delle spese per lo staff del sindaco • Rimodulazione convenzione coi privati al fine di consentire alla comunità di avere centri di aggregazione ed opere pubbliche vere • Rivedere il Puc al fine di diventare un punto di riferimento per la Piana del Sele e per i Picentini • Censimento dei fabbricati e degli stranieri presenti sul litorale «Ci candidiamo, insieme alle altre forze della coalizione di centrodestra, a governare la città – spiega il capogruppo di FdI, Pasquale Lamberti – Antonio Anastasio, per esperienza maturata e per carisma, è il vero ed unico leader del nostro partito e rappresenta, per noi, la sintesi perfetta per la coalizione. Allo stesso tempo, siamo sicuri che FdI reciterà un ruolo da protagonista nella prossima tornata elettorale. Il motivo è semplice: i cittadini hanno capito che la nostra unica volontà è quella di dare risposte concrete ai loro bisogni». «Ringrazio sentitamente il direttivo di avermi indicato come candidato sindaco – sottolinea Antonio Anastasio – l’interesse primario, per il nostro partito, resta sempre e comunque il programma. Solo ponendo tale priorità potremo sviluppare ogni ragionamento. La composizione della squadra che sarà chiamata a governare i processi è ancora più importante dei nomi. Dobbiamo chiudere la stagione dei personalismi ed aprire quella del confronto sereno basato sul desiderio di rendere il nostro territorio nuovamente protagonista».

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.