Home » >> Politica

Napoli: Lega Salvini Premier, on.Castiello “Paolo Russo e FI facciano mea culpa, ma non ci temano”

Inserito da on 11 marzo 2018 – 07:23No Comment

“Il collega Paolo Russo  (Forza Italia ) deve stare tranquillo per il futuro ma, soprattutto, con l’intera classe dirigente meridionale,e campana in particolare, del  suo partito, fare autocritica sul passato. ” Così Pina Castiello, salvianiana della prima ora, fresca di rielezione alla Camera  nella quota proporzionale in Campania.  Castiello ha poi aggiunto :” Forza Italia deve fare “mea culpa” sulla grave responsabilità di aver negato centralità al tema del mezzogiorno nel dibattito politico.  Un errore marchiano, rivelatosi tra le principali cause del tracollo elettorale.” E’ un dato oggettivo- ha continuato Castiello -  che meglio di me hanno rilevato con attendibilita’ scientifica i maggiori istituti di analisi dei flussi elettorali, tra cui quello della Ghisleri.” Non è mai troppo tardi e anzi e’ auspicabile che finalmente anche Forza Italia  riabbracci la causa del Sud, purché lo  faccia con convinzione e visione strategica, e  non sventolando affannosamente  la bandiera  del Meridione ex post,  in un modo che, peraltro  tradisce, anche  per la   tempistica che lo caratterizza ,  un elevato tasso di strumentalita’. Non vorrei  – ha aggiunto ancora Castiello – che le parole di Paolo  Russo in realtà servano ad  ammantare il  timore che la Lega, partito a cui il Sud  ha accordato oltre mezzo milione di suffraggi, possa erodere consenso    ai Berlusconiani proprio sul terreno delle  politiche del mezzogiorno. “La Lega e Salvini – ha continuato  Pina Castiello – quando parlano di sicurezza, di immigrazione clandestina, di Flat Tax  e di azzeramento del gup infrastrutturale, si rivolgono anche al Sud, un Sud  che,non a  caso, ha delineato per la Lega una potenzialità di crescita che apre grandi prospettive e che ha di fatto  già innescato un imponente processo di strutturazione territoriale.   Stia sereno  Paolo  Russo: la Lega,  così come sagomata da Matteo Salvini,si muove su uno scacchiere che è  nazionale e non parziale, unitario e non campanilistico,  ecco perché, la sua  levata di scudi – ha terminato Castiello – rischia di rivelarsi persino goffa, se ha come intento quello di lanciare un allarme che non è per nulla avvertito dalla gente del Sud. Il mezzogiorno  ha fame di buona politica e sa che la Lega può sfamarlo “

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


5 × = dieci