Home » > IL PUNTO

Tristezza per la morte improvvisa di Davide Astori, giovane atleta

Inserito da on 4 marzo 2018 – 00:00No Comment

Padre Giuliano Di Renzo

A chi non capisce – e umanamente è difficile capire – dico che non si capirà mai se non cambieremo il nostro modo di capire.

Un anno di vita, trenta, cinquanta, cento, mille, cinquecentomila, un miliardo….e poi….? E poi?

Qual’è la misura giusta? Chi la stabilisce? Con quale criterio?

Il vero guaio è che muoiono, uccidono, si uccidono, si accoppiano, si agitano, urlano, si dicono maestri di chissà quali verità nascoste, di chissà quali poteri sono dotati e all’improvviso succede qualcosa.

Ecco che muoiono, la vita abbandona e si allarga davanti a loro la cortina, praticamente non prevista o forse rifiutata della vita, e si trovano a vedere se stessi alla luce della Santità che è Dio.

Magari, come a tanti oggi purtroppo!, Dio non è stato mai presente, forse quasi assente o addirittura assente del tutto oppure lo hanno tenuto presente ma per vigliaccamente e diabolicamente disprezzarLo e inveire contro di Lui perche’ origine della luce, fonte del bene ed anche vindice.

Eccoli gli adulteri, i sodomiti, i laicisti ad oltranza, gli odiatori di ogni pur qualsiasi minimo richiamo religioso e alla coscienza.
Scatta l’accusa di attentato alla libertà, alla dignità altrui, da essi, che la libertà e la dignità altrui non conoscono, non le riconoscono a nessuno che non si adegui ad essi.

Stupidamente rifiutano anche la morte e guai accennare ad essa, guai ricordare la consolante speranza di un oltre questa vita, attaccati come sono a questa vita attaccata alla terra, lasciando irrisolti i profondi interrogativi sull’esistenza, pezzi lacerati di carta buttati al vento….

Così tutti oggi a chiacchierare di quel povero ragazzo, a commiserarlo in fondo inutilmente, perché nessuno pensa o accenna considerazioni che vadano oltre la cronaca, inviti pietosamente alla preghiera per un povero giovane nostro fratello che avrebbe bisogno del pronto soccorso della nostra preghiera e di fronte a quella morte pregare pure per se stessi.

Di nulla infatti noi siamo mai certi, della nostra morte invece abbiamo certezza assoluta.

Il Signore abbia misericordia del giovane e dei suoi cari e di quanti qui scrivono di lui, di me compreso che di lui con voi sto scrivendo….. Ma per lui sto anche pregando!

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.