Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Sant’Angelo a Fasanella: continua progetto “I sacri luoghi dell’arcangelo Michele”

Inserito da on 27 dicembre 2017 – 03:36No Comment

Continua il progetto denominato “I SACRI LUOGHI DELL’ARCANGELO MICHELE”, promosso dal Centro Culturale Studi Storici sez. di Olevano sul Tusciano.

Questa mattina è stato fissato un altro punto fermo con la firma del Patto di Collaborazione tra il Comune di Sant’Angelo a Fasanella rappresentato dal Vice Sindaco avv. Michele Clavelli che sostituiva il Sindaco Avv. Gaspare Salamone, il dott. Michele Cicatelli direttore del Centro Culturale Studi Storici sez. di Olevano e il Presidente del Centro Culturale Studi Storici Cav. Giuseppe Barra.
L’evento ha avuto inizio con l’ingresso nella Grotta di Sant’Angelo a Fasanella della Bandiera con i pifferi e tamburi di Olevano sul Tusciano.
Davanti alla Sacra effige di San Michele Arcangelo è avvenuto il Rito dello sbandieramento eseguito dal sig. Gabriele Carbone.
Il solenne Rito è stato eseguito per la prima volta fuori dai confini Olevanesi, davanti alla statua di San Michele di Sant’Angelo a Fasanella con la consapevolezza che l’Arcangelo Michele è Uno, anche se venerato e rappresentato in diverse forme e in luoghi diversi.
Il fine di questo Progetto è proprio quello di unire e far conoscere le tradizioni e i Sacri luoghi del Culto Micaelico, per favorire uno scambio culturale e religioso-devozionale tra i fedeli del Santo Arcangelo Michele.
Fondamentale è stata la presenza del parroco don Ivan Sarto che ha celebrato la Santa Messa sull’altare maggiore, sottolineando durante l’omelia l’importanza storica di questa iniziativa, ringraziando la delegazione di Olevano per aver inserito nel progetto anche Sant’Angelo a Fasanella.
Dopo la Celebrazione Eucaristica ha avuto luogo la firma del Patto di Collaborazione con l’intervento del Vice-Sindaco avv. Michele Clavelli che ha evidenziato come “la firma del patto favorisca la diffusione e la conoscenza del Culto di San Michele, dando ricadute positive con il turismo religioso anche all’economia locale”.
Il Cav. Giuseppe Barra invece ha anticipato che la Sezione di Olevano del Centro Culturale Studi Storici, “è già in contatto con altri luoghi dove è presente il Culto per favorire nuove adesioni al progetto” rimarcando come “alcune di queste adesioni siano già in fase conclusiva”.
Il direttore del Centro Culturale Studi Storici di Olevano dott. Michele Cicatelli ha ringraziato tutti coloro che hanno con la loro presenza contribuito al buon svolgimento della giornata, in particolate il Consigliere Comunale sig. Bernardo Marmo per l’impegno profuso, il suonatore del piffero il Sig. Mario Viscido, lo sbandieratore sig. Gabriele Carbone, i giovani suonatori di tamburi: Cosimo Patella, Vito Delli Bovi e Salvatore Caiazzo e Denza Enrico, Cosimo Clemente e Pasquale Attanasio.
Cicatelli inoltre ha portato i saluti del Presidente dell’associazione “Monte Sant’Angelo Francigena” del Gargano sig. Matteo Rinaldi e dalla dott.ssa Immacolata Aulisa dell’Università di Bari che già collaborano attivamente all’iniziativa.
Media Partner attivo del progetto è l’emittente radiofonica “Radio Flash Salerno” sempre presente nella persona del giornalista Antonio Lanzotto.
Da sottolineare l’ospitalità e l’accoglienza ricevuta dalla delegazione di Olevano sul Tusciano da parte dei cittadini e fedeli di Sant’Angelo a Fasanella che al termine della stipula del patto hanno eseguito il proprio inno San Michele e offerto i loro prodotti tipici locali.
Servizio fotografico di Andrea Capaccio fotografo ufficiale della rivista “ Il Saggio”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.