Home » • Salerno

Salerno: porto, Cisal chiede tempi brevi per dragaggio scalo commerciale

Inserito da on 28 ottobre 2017 – 06:31Un commento

Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, chiede a gran voce il dragaggio del porto di Salerno. “Le attuali condizioni del fondale del porto – ha sostenuto Vicinanza – danneggiano fortemente tutte le attività che decidono di scommettere sullo scalo della nostra città. Condivido l’idea di Domenico De Rosa, amministratore delegato del gruppo Smet: lo sviluppo del retroporto dello scalo salernitano è assolutamente una priorità assoluta non solo per il Mezzogiorno d’Italia ma per l’intero sistema portuale italiano. Credo sia condivisibile anche l’idea legata all’istituzione della Zona economica speciale, che rimane un fattore di sviluppo irrinunciabile perché favorisce gli investimenti a lungo termine”. Per Vicinanza, dunque, è necessario che questo intervento sia realizzato subito per annullare questo fortissimo disagio e per eliminare le carenze strutturali di un fondale che provoca problemi nell’uscita e nell’entrata delle imbarcazioni nel porto. Trovo che sia di fondamentale importanza riuscire a realizzare l’intervento, nel minor tempo possibile, al fine di incrementare il traffico commerciale complessivo del porto di Salerno che vedrà cosi aumentare il numero di operatori e di imprese coinvolte con ricadute positive sull’intero territorio provinciale. Come ribadito dal dottore De Rosa, il 2018 sarà certamente un anno di forte espansione per la rete delle Autostrade del Mare e di forte crescita occupazionale, che possiamo già stimare tra il 10 per cento e il 15 per cento in più rispetto all’anno in corso. C’è bisogno dell’impegno di tutti, classe politica in primis. Non possiamo disperdere questo patrimonio economico raggiunto con tanti sacrifici”.

Un commento »

  • Gaetano Perillo scrive:

    Il richiamo alla necessità di un adeguato sviluppo retroportuale dello scalo salernitano, fatto dall’ad Domenico De Rosa, é sacrosanto e imprescindibile quale priorità assoluta per la crescita del porto.
    Esiste già una previsione di come incrementare i collegamenti di servizio con le aree individuate per svolgere questa funzione essenziale di raccordo fra territorio e scalo?
    Quali sono state o sono le azioni che le forze sindacali hanno messo o intendono mettere in atto per reclamare che anche il porto di Salerno venga attrezzato con infrastrutture atte a svolgere movimentazioni di merci e container non solo con veicoli su gamma, ma anche con convogli ferroviari composti direttamente sulle banchine?

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


× 9 = cinquanta quattro