Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Eboli: la politica che non risparmia i morti

Inserito da on 2 ottobre 2017 – 02:53No Comment

Non è nostra intenzione non è nostra competenza entrare in questioni di carattere burocratico- politico, ma non possiamo tacere il nostro dispiacere dinanzi alle affermazioni del Sen. Franco Cardiello, che pur di entrare in polemica con l’amministrazione comunale di Eboli, non si tira indietro nello strumentalizzare  la morte di una donna, una moglie una mamma. Il Senatore nel  comunicato stampa, cita una delle più belle poesie di Totò, “La Livella”, dimenticandone però la morale: “Siamo tutti uguali dinanzi alla morte”. Si, siamo tutti uguali qualunque sia l’origine la tradizione o la cultura di appartenenza.  In accordo con tale assunto, la laicità dello stato e la Costituzione, garantiscono a noi tutti la libertà di professare liberamente il culto ed  il diritto di essere accompagnati all’eternità, nel rispetto dei precetti del culto di appartenenza.  

Il Senatore Cardiello, ha illustrato una vicenda lontana dalla realtà dei fatti, realtà che ha doverosamente piegato alle sue  necessità politiche, per portare avanti una “crociata” senza quartiere che diverge con valori cristiani di cui lui, si fa portavoce.

Allora ci domandiamo, una donna musulmana che ha vissuto in un paese laico dalle forti radici cristiane, onorando e rispettando chiunque avesse posizioni divergenti dalle sue, affrontando la vita con estremo sacrificio ed immenso amore per il prossimo, vivendo  le problematiche e le controversie della nostra contemporaneità, merita davvero di essere usata per dar luogo a polemiche sterili e strumentali?

Diversamente da quanto riportato nel  favolistico comunicato stampa del Senatore Cardiello, la nostra congiunta, desiderava semplicemente  essere sepolta nella propria città, nel rispetto dei precetti musulmani, (ovvero, tumulata direttamente nel terreno, in un luogo ove riposano altri fratelli musulmani, all’esterno delle mura cimiteriali).  La nostra concittadina, attendeva da 4 giorni di essere tumulata in un luogo che si confacesse, ai dettami della sua religioneLa nostra mamma attendeva di trovare un luogo consono alla sua  spiritualità, che le permettesse di riposare in pace. Sino ad allora un luogo simile non c’era. Non esisteva un luogo che potesse accogliere i cittadini musulmani vissuti nella nostra città, che desideravano riposare nella stessa.

Grazie alla lungimiranza del primo cittadino Massimo Cariello, del dott. Damiano Bruno e del dott. Fausto Vecchio , è stato creato un precedente, un precedente che va nella direzione del dialogo e della tolleranza reciproca. Un precedente che non nuoce a nessuno, se non a chi intende oltraggiare una vita umana che termina,  pur di portare avanti le proprie ideologie politiche.

L’amministrazione Comunale di Eboli nella persona del Sindaco, ha accolto legittimamente la richiesta di una cittadina italiana residente ad Eboli, che amando immensamente il nostro paese – che generosamente la accolse 36 anni fa – ha scelto l’Italia come paese in cui vivere, crescere i suoi figli e riposare in pace.

Gli amministratori locali della  nostra città, manifestando estrema tolleranza  ed incondizionato rispetto per le diverse professioni  di fede,  hanno accolto le istanze della sempre più numerosa comunità musulmana che vive nella città di Eboli, che sceglie la nostra città come “casa”  in cui costruire un avvenire e che decide di essere sepolta vicina all’affetto dei propri cari.

Il Senatore Cardiello prenuncia interrogazioni parlamentari ed il coinvolgimento dei diversi rappresentanti delle istituzioni ai livelli più alti, ma mi domando cosa penserebbe il Santo Padre di un politico, un parlamentare, che si professa cattolico e non perde l’occasione di, strumentalizzare la morte di una persona pur di entrare in contrasto con l’avversario politico.

In accordo con il rispetto e la tolleranza reciproca fra le diverse religioni, ci sentiamo in obbligo di portare a conoscenza di questa vicenda il Santo Padre, e per questo scriveremo a Papa Francesco per metterlo a conoscenza dell’assurda crociata di questo Senatore della Repubblica che, in nome della difesa dei valori cristiani, pratica disuguaglianza nei confronti di una povera defunta, tradendo tutto ciò che il cristianesimo e la chiesa cattolica insegnano.

Confidiamo nella bontà d’animo delle persone, nel catechismo della chiesa cattolica, negli insegnamenti del Santo Padre che ogni giorno, con ogni suo gesto, testimonia i valori evangelici della pace, della fratellanza, della tolleranza e del dialogo tra i popoli di religioni diverse.

    Vice Presidente della Consulta per gli Immigrati Chakir Fatiha

 

 

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.