Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Capaccio Paestum: caduta massi, Rivoluzione Cristiana “Tragedia sfiorata”

Inserito da on 26 settembre 2017 – 03:18No Comment

“Ancora una tragedia sfiorata. Dopo due anni torna e ritorna il problema della Sp13, un’emergenza sottovalutata da tempo – lo dice il dirigente nazionale di Rivoluzione Cristiana, Alfonso Quaranta, campano e cilentano di adozione – Percorro quella strada più volte e la pericolosità è stata troppo spesso sottovalutata”.  Quattro massi di enormi dimensioni si sono staccati da un versante del costone roccioso del monte Calpazio lungo la SP13, la strada collinare che dalla località Pietrale del comune di Capaccio Paestum conduce al Capoluogo. Tre macigni, dopo aver pericolosamente rotolato sulla carreggiata, sono stati fermati dal guardrail: il più grande, invece, ha sfondato la barriera stradale finendo in un dirupo. “Solo per un caso fortuito nessuno si è fatto male. Per intervenire bisognerà aspettare i morti, si tratta di un’arteria importante, bisogna fare con urgenza delle perizie geologiche e comprendere le cause che hanno scatenato il distacco dei massi. Ma non possiamo aspettare altri due anni”.   Non manca nell’intervento di Quaranta un riferimento al governatore : “De Luca oltre a distribuire incarichi nel Cilento e fare proclami, si impegni anche a strutturare interventi che salvaguardano la sicurezza dei cittadini”. Due anni anni fa ci vollero due mesi per mettere in sicurezza la strada, interventi che evidentemente servirono solo per tamponare l’emergenza “Bisognava programmare il lavoro ed intervenire per mettere in sicurezza tutta la strada, non solo una parte”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.