Home » • Salerno

Salerno: alla Chiesa Santa Trofimena dell’Annunziata inaugurazione vetrata prof.GiuseppeTuri

Inserito da on 18 maggio 2017 – 05:58No Comment

Domenica 21 maggio, alle ore 9,45, la parrocchia S.Trofimena nella SS.Annunziata ospiterà un evento d’ampia ricaduta artistica, grazie alla vetrata realizzata dal prof. Giuseppe Turi,  che vanta a suo attivo un notevole medagliere di consensi e d’encomi alla carriera artistica. Nato a Napoli, Turi è stato presente con le sue opere in numerose rassegne internazionali, riscuotendo sempre ampio plauso della critica. La vetrata che abbellirà il luogo di culto, ricalca le vestigia d’antiche cattedrali gotiche, invitando alla riflessione sulle verità della fede cristiana. L’Unità e Trinità di Dio e l’Incarnzione, Passione e Morte, un tutt’uno con la Resurrezione. Come scrive Mons. Claudio Raimondo , priore curato della SS.Annunziata: “La veste dell’Eterno Padre, che avvolge il Risorto comunica il pieno accordo che c’è tra il Padre ed il Figlio, nella realizzazione della redenzione umana. La Chiesa, simboleggiata dalla lanterna circonfusa di luce, guidata dallo Spirito Santo, irradia sul mondo la Verità eterna.” La presentazione della superba opera registrerà accanto all’autore, in conferenza stampa l’intervento, accanto a don Raimondo, del Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, dell’assessore comunale Roberto De Luca, del giornalista Gennaro Pane, del pittore Eugenio Siniscalchi, del designer Nino Perotti, dell’architetto Elisabetta De Rosa, responsabile del cantiere per l’installazione.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


− uno = 2