Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Piana del Sele: Circolo Libertà e Giustizia, adesione appello per Pace

Inserito da on 24 aprile 2017 – 03:24No Comment
Costituzione della Repubblica Italiana  ART. 11:  L’Italia ripudia la guerra  come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia tra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.Questo è un appello urgente per la pace. Un appello alla civiltà suprema del dialogo, della sua umanità, della sua intelligenza. Leggiamo e apprendiamo di bombe, di grandi eventi nucleari, di raid preventivi. Un irresponsabile e impressionante gioco alla guerra che deve essere subito fermato. Chiediamo con forza alle Istituzioni internazionali, ai Governi del mondo che si metta a tacere l’assurdo di queste intenzioni che porterebbero a effetti disastrosi e di morte già tragicamente vissuti. Facciamo appello alle cittadine e ai cittadini affinché si mobilitino per diffondere il più possibile voci e iniziative di pace anche in nome della nostra Costituzione che sempre ci ricorda che “l’Italia ripudia la guerra”.
Carlo Smuraglia – Presidente Nazionale ANPI                                                         
Francesca Chiavacci – Presidente Nazionale ARCI                                            
Susanna Camusso – Segretario generale CGIL
Annamaria Furlan – Segretario generale CISL
Carmelo Barbagallo – Segretario generale UIL
Roberto Rossini – Presidente Nazionale ACLI
 Aderiscono: Don Luigi Ciotti, Alessandro Pace, Sandra Bonsanti (presidente emerita di Libertà e Giustizia), l’ARS (Associazione per il rinnovamento della sinistra), Articolo 1 – Mdp, Legambiente, Rete della Conoscenza, Greenpeace Italia, Libertà e Giustizia circolo Piana del SeleAlla vigilia delle celebrazioni del 25 aprile, eccoci a chiedere ancora che la nostra Costituzione venga rispettata.  L’appello “urgente” per la pace, lanciato da ANPI, ARCI, ACLI, CGIL, UIL, CISL, al quale aderiscono associazioni e persone che da sempre lottano per la difesa dei diritti sanciti nella nostra Costituzione, è un segnale di quanto noi cittadini dobbiamo ancora insorgere contro chi la ignora, e che purtroppo troviamo nelle Istituzioni.  Questo, a pochi mesi dal referendum del 4 dicembre in cui il “popolo sovrano” ha bocciato quegli stravolgimenti che erano stati proposti “disinvoltamente”, da chi confidava forse nell’approvazione acritica dei cittadini.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.