Home » • Salerno

Salerno: MEIC, una fede che pensa, una ragione che crede, rinnovo cariche sociali

Inserito da on 20 aprile 2017 – 06:18No Comment

Il MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) Diocesano “Don Guido Terranova” ha rinnovato le cariche sociali per il triennio 2017-2020, un vista dell’impegnativo Congresso Nazionale, che si svolgerà ad Assisi dal 2 al 4 giugno prossimi. Il nuovo Presidente Diocesano è il Prof. Francesco Fasolino, coadiuvato dal  Vice Presidente dr. Rocco Pacileo. La Segreteria è affidata al dr. Stefano Pignataro. Il nuovo Consiglio Direttivo è composto altresì dal Prof. Giacomo Bruni e dalla dott.ssa Fulvia Zinno. Il Meic si pone come “coscienza critica” della Chiesa, in una realtà in movimento ed intende essere un riferimento per il mondo culturale cattolico. E’ un movimento composto da persone che operano nella Chiesa locale e che si riconoscono protagonisti e destinatari dell’impegno formativo e culturale, operando in sintonia con la famiglia dell’Azione Cattolica. Un movimento che rappresenta un’avanguardia missionaria nel mondo della cultura e delle professioni e si propone un itinerario concreto di vita ed una proposta di servizio nella Comunità e nella Chiesa. L’Arcivescovo Mons. Luigi Moretti, nel dare la sua benedizione e l’imprimatur al nuovo Consiglio Diocesano, nel corso di un proficuo incontro svoltosi presso la Curia Arcivescovile, ha ribadito che il MEIC deve far sentire la sua voce “forte e chiara” sul territorio, nelle Parrocchie, nella Diocesi e nelle Istituzioni. Un movimento che dialoga con le realtà che ci circondano, che promuove attività culturali e comunicative di ampio respiro sul territorio, portando la propria testimonianza di idee e di valori, prove, esempi, analisi nella vita quotidiana, nei posti di lavoro, nella politica, nella cittadinanza, nelle parrocchie, nella comunicazione sociale, vivi e presenti nella scena culturale, politica e mediatica della Diocesi. Lo sforzo del Movimento, dunque, è quello di dimostrare di essere “personalità cristiane, mature, consapevoli della propria missione nella Chiesa e nella Società”, come ci chiedeva di essere San Giovanni Paolo II.  E’ con questo spirito che il nuovo Consiglio intende svolgere la propria attività.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


+ cinque = 8