Home » Arte & Cultura

Cava de’ Tirreni: scrittura creativa all’Istituto “Carducci-Trezza”

Inserito da on 2 aprile 2017 – 04:00No Comment

Rapina a Benevento- Ieri a Benevento, un uomo si è introdotto in una abitazione di una anziana pensionata e spacciandosi per un tecnico dell’ elettricità , con la scusa di dover effettuare un sopralluogo per verificare se l’impianto elettrico funzionasse ha rubato circa 1000 euro all’ anziana donna , che custodiva questi soldi nel cassetto di un mobile in camera da letto. Dopo aver rubato il denaro, l’ uomo è fuggito  dalla casa, facendo perdere eventuali tracce. La donna, dopo che si è resa conto del furto , ha chiamato i carabinieri che sono riusciti ad identificare l’uomo mandandolo in carcere.

Vincenzo De Simone  IC-  

Curti: picchiava la moglie e la costringeva a rubare: T. C.,27enne , finito in carcere con l’ accusa di maltrattamenti contro i familiari, effettuava violenza e minaccia per convincere i familiari a commettere reati e lesioni personali. Nell’ attività erano coinvolte la madre Tercuta e la sorella Doina. Sia per la sorella che per la suocera è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Curti. Dalle indagini della polizia di stato sono emerse diverse condotte poste in essere dal rumeno ai danni della moglie e con la complicità dei propri familiari. La vittima subiva violenze fisiche e morali, tale da renderle la vita quotidiana dolorosa, mortificante e intollerante. Veniva rinchiusa in casa per giorni, percossa più volte anche con oggetti contundenti. La vittima era costretta a commettere furti in più attività commerciali e veniva sorvegliata a vista e picchiata quando si rifiutava di commettere reati.

Asia Di Domenico I C 

Cava de’ Tirreni: colpo da 50.000€

Poco prima delle 17,00 del 25 marzo, alcuni banditi hanno fatto irruzione nella banca Sella in via Romano a Cava de’ Tirreni, vicino all’ uscita dell’ autostrada. I rapinatori, in tre con la faccia coperta, hanno minacciato i dipendenti facendosi consegnare subito i soldi, circa 50 mila euro. Presi i soldi, i banditi sono fuggiti sfruttando l’uscita dell’autostrada e così hanno fatto perdere le loro tracce. Subito dopo, dai poliziotti, è stata avviata un’indagine per tentare di risalire ai malfattori. I tre rapinatori erano riusciti a entrare nella banca senza destare dei sospetti minacciando poi i dipendenti di consegnare subito il denaro.

Emilio Boccia

Infermiere trovato morto: Infermiere di 36 anni è stato trovato morto in casa , Mario Fiorentino era  un’ infermiere di Napoli , l’uomo è stato trovato nel bagno di casa sua con una siringa che forse conteneva un anestetico che era ancora infilato nel braccio . Sono interrogati conoscenti e compagni di lavoro . A farlo sapere alla polizia è stato un suo collega , che era passato sotto casa sua perché l’infermiere non era a lavoro . Il collega è uno dei sospettati della polizia perché non si sa ancora se è stato lo stesso infermiere a procurarsi la siringa prendendola dall’ ospedale oppure qualcun altro.

Sabrina De Simone IC 

Cava de’ Tirreni: fra Gigino resta al Santuario San Francesco

E’ di questi giorni la notizia che Padre Luigi Petrone, da tutti conosciuto come Fra Gigino, non lascerà il Santuario di San Francesco e S. Antonio. Fra Gigino aveva presentato due lettere, una per avere il trasferimento presso la Basilica di S. Antonio al Laterano in Roma ed una per andare in Spagna a ritirare la statua della “Dolorosa” che uscirà in processione il giovedì santo. E’ stata subito accolta questa seconda richiesta, mentre il Padre Provinciale non ha concesso il trasferimento a Roma dichiarandosi disponibile a dare a Fra Gigino al massimo una settimana di riposo nella capitale. Per il Padre Provinciale è importante che Fra Gigino resti a Cava perché la cittadina ha bisogno di lui e tutte le incomprensioni si possono superare. Nonostante le numerose accuse, termina con un lieto fine la vicenda dell’addio di Fra Gigino che ora è già pronto a riprendere il suo lavoro per i prossimi eventi che si avvicinano e che attrarranno come sempre tanti turisti.

Andrea Colicelli  I C    

Vivono in un tugurio da 27 anni “Ora dateci una casa”

Costretti a vivere in un sottoscala a Sant’Arcangelo per 27 anni. In un’unica stanza cucina,bagno e letto con muffa e infiltrazioni, doveva essere un alloggio temporaneo messo a disposizione dai parenti. Dopo il matrimonio le difficoltà economiche e l’incidente del marito sul lavoro hanno prolungato  quella permanenza,inutile è stata la richiesta di una casa popolare:  mai nessuna risposta è stata data a questa famiglia. Papà Pietro ex muratore allettato da 10 anni, nel 2007 cadde da un’impalcatura; a causa della poca disponibilità economica, non ha potuto effettuare le cure necessarie e ciò gli ha causato l’immobilità ad entrambe le anche. Solo 2 anni fa gli hanno riconosciuto la pensione di 290 euro e con quei soldi provvede alla famiglia. Chi ne soffre è Francesco, il figlio che nonostante le crisi di epilessia, a denti stretti cerca di ritagliarsi un futuro studiando beni culturali all’università di Salerno; inoltre ha anche publicato delle poesie scritte negli anni in cui era ospite in una casa famiglia per alcuni anni.
Christian De Luca I C
Strada chiusa  tra Santa Lucia e Sant’ Anna
Il tratto di strada tre Santa Lucia e Sant’Anna è stato chiuso a causa di un crollo nel lato della strada.  Il crollo é avvenuto mercoledì 8 febbraio. Per capire quali sono state le cause è stato scavato leggermente più a fondo. Adesso sulla strada ci sono grandi blocchi di cemento e non è possibile passare con le auto. Molti approfittano della situazione per camminare a piedi cosa molto rara in questi tempi in cui tutti andiamo difetta e  non riusciamo a fare a meno delle auto. La chiusura della strada ha causato molti disagi in quanto ha precluso ai cittadini di raggiungere la scuola materna e la scuola elementare di Sant’Anna. Per ovviare i disagi causati ai bambini è stato fornito un servizio navetta dal Comune per gli studenti affinché possano raggiungere la loro scuola. Molti  sono i disagi per la attività commerciali che hanno visto calare i loro profitti già da questo primo mese di chiusura. Ora sia gli abitanti, che i commercianti si chiedono quando sia possibile un ritorno alla normalità. Dato che il tratto di strada non è competenza comunale bensì provinciale , la situazione si complica e i tempi si allungano infatti voci di corridoio  dicono che almeno per i prossimi sei mesi le cose rimarranno invariate.

Serena Vitale   IC

Roccadaspide: picchiato in un bar,  calci in faccia da due giovani

Un uomo è stato picchiato da due giovani, preso a calci in faccia sotto gli occhi indifferenti dei presenti. Solo la proprietaria del locale, spaventata in lacrime  ha supplicato i due di andare via, ma nessuno tra i presenti chiamava il 118 o i carabinieri. Solo un diciasettenne, per di più senza la patente, ha accompagnato l’uomo al pronto soccorso dell’ ospedale di zona. Secondo i sanitari la prognosi è di 40 giorni e l’uomo necessità di un’importante operazione alla faccia.

Federico Baldi IC

Via Crucis “Santa Maria del Rovo”

Domenica 9 aprile e venerdì , alle ore 20,30 ci sarà la “Via Crucis  “alla parrocchia di Santa Maria Del Rovo nella domenica delle Palme e il venerdì Santo si rifletterà sulla morte e resurrezione di Gesù. Moltissime persone credenti si riuniranno per pregare.

Serena Vitale IC

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.