Home » • Salerno

Salerno: Squadra Mobile, catturato re dello “Sballo”

Inserito da on 31 marzo 2017 – 06:16No Comment

Non se lo aspettava V. M., nato a Salerno il 22.09.1979, residente in provincia di Modena ma di fatto domiciliato a Salerno. Quando ieri pomeriggio, gli uomini della sezione antidroga della Squadra Mobile di Salerno sono andati a bussare alla sua porta, è rimasto sorpreso, convinto che mai nessuno lo avrebbe cercato qui nella città di Salerno perché la sua residenza ufficiale è nel modenese, a Castelfranco Emilia. È stato catturato così “Matteo”, per un ordine di carcerazione del Tribunale di Modena e dovrà espiare in carcere una condanna a 5 anni, 11 mesi e 23 giorni di reclusione per diverse violazioni all’art. 73 del DPR 309/90. Una carriera lunga quella di V., che parte dall’inizio degli anni 2000, quando è parte attiva di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di Cocaina e Hashish insieme personaggi del calibro di Lucio G., Ivan C., Francesco S., V. V. detto “Ciro”. Cresce, però, “Matteo” e si specializza nello spaccio della droga dello “sballo”, l’ecstasy, a tal punto che nel 2008, in provincia di Modena, viene trovato in possesso di più di 300 pasticche, quantitativo importante per una droga che solitamente si assume in una/due pasticche. L’MDMA, meglio conosciuta come ecstasy, è fra le droghe che creano maggior allarme sociale, perché legata al cosiddetto “sballo” che ogni anno attira sempre di più giovani di qualsiasi età e condizione sociale. La vendita delle “pasticche” avviene soprattutto nelle discoteche, dove i ragazzi assumono l’ecstasy per scatenarsi senza freni inibitori e ballare per lungo tempo, con un effetto che mediamente dura più di tre ore e dà una sensazione di benessere e di eccitazione. Spesso, però, la droga dello sballo, agendo sul sistema nervoso, provoca stati di ansia e di agitazione, fino ad arrivare all’alienazione totale ed alla perdita del controllo muscolare. La corsa del “re dello sballo” è finita ieri, però, quando gli uomini della narcotici lo hanno catturato nella sua casa di via Carlo Aliberti

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.