Home » Arte & Cultura

Mercato San Severino: presentazione “Salerno noir.Storie di torbide passioni e fatti di sangue” di Luciana Mauro

Inserito da on 16 marzo 2017 – 05:27No Comment

Anna Maria Noia

Stasera, giovedì 16 marzo – ore 17.30 – i locali dell’associazione “Martinez”, in Piazza del Galdo di Mercato S. Severino, ospiteranno la scrittrice e cronista de “Il mattino” Luciana Mauro. La giornalista, originaria di Salerno, presenterà la pubblicazione “Salerno noir. Storie di torbide passioni e fatti di sangue”. Marlin editore, di Tommaso e Sante Avagliano. L’incontro rientra nell’ambito della rassegna: “Esistere è resistere”, realizzata dall’editore e giornalista sanseverinese Antonio Corbisiero. Per gli indirizzi di saluto, il responsabile del sodalizio “Martinez” nonché professionista (commercialista) sul territorio, Gaetano Apostolico. A moderare: Anna Maria Noia. Al termine, momenti di intrattenimento e di condivisione. Si parlerà appunto dell’opera della redattrice, che spazia tra gli anni ’20 e i tempi più recenti – un volume incentrato su alcuni crimini, che hanno avuto ampio risalto nelle cronache del periodo racchiuso nel libro. Storie cruente, di assassinii e omicidi; di violenze perpetrate a vittime più o meno innocenti. Sempre con un particolare movente, su cui indaga lo spirito critico di Luciana Mauro. Sono fatti veri, accaduti a Salerno, ma narrati nel libro opportunamente romanzati e illustrati. Con personaggi a tutto tondo, di cui la Mauro traccia un profilo psicologico che intende spiegare l’origine di tali delitti. È il terzo appuntamento con la rassegna di Corbisiero. Seguiranno altri due incontri, il 28 aprile – quando si discuterà dell’autismo – e il 19 maggio, con accenni alla camorra e alla questione dei rifiuti tossici. In precedenza, un evento col direttore de “La città” – Andrea Manzi – sul ruolo profetico, catartico e civile della poesia e un happening sulla mafia, con la presenza del politico e scrittore Isaia Sales.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.