Home » • Salerno

Salerno: Casa del Contemporaneo, in scena “Two”

Inserito da on 3 marzo 2017 – 06:32No Comment

Casa del Contemporaneo ospita a Salerno sul palco della Sala Pasolini la giovane compagnia Randevù. In scena “Two”, un testo dell’autore Jim Cartwright, per la prima volta tradotto in Italia da Serena Zampolli. Sabato 4 marzo e domenica 5 marzo va in scena alla Sala Pasolini lo spettacolo “TWO”. Un gradito ritorno, quello dell’attrice salernitana Angela Ciaburri che, dopo essersi formata presso la prestigiosa Accademia del Teatro Stabile di Genova, è in scena per la prima volta nella città natìa in un contesto teatrale riconosciuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT). “Ho lasciato Salerno a 18 anni e ora vivo a Roma, per motivi di lavoro. Ho sempre avuto difficoltà a portare gli spettacoli nella mia terra in contesti importanti.“ha dichiarato l’artista. Il lavoro sulla drammaturgia contemporanea contraddistingue la poetica della giovane compagnia teatrale, formata da Angela Ciaburri e Davide Mancini. Insieme portano in scena per la prima volta in Italia un testo del drammaturgo inglese Jim Cartwright, nato nel 1958 a Farnworth, nel Lancashire. Il suo “TWO” è stato scritto nel 1989, ma sorprende ancora oggi. Tradotto nella versione italiana della giovane Serena Zampolli, “DUE” racconta una vicenda dalla cornice drammatica nella quale si avvicendano ruoli grotteschi: l’azione si svolge in una sola serata in un pub di provincia. In questo luogo di aspirazioni fallite e vite irrealizzate, mentre si definiscono i rapporti tra i due gestori, che sono una coppia affiatata, ma cristallizzata in un rancore irrisolto, gli avventori del pub entrano ed escono, litigano e si amano, mettono a nudo la propria solitudine e affondano nell’alcol le proprie speranze. A sostenere tutti i ruoli sono sempre loro due, lui e lei, la coppia proprietaria del pub che, cambiando abiti, modo di parlare, di muoversi ed agire, riescono ad essere, come ha scritto qualcuno, “straordinariamente quattordici diversi personaggi”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.