Home » • Salerno

Salerno: animalisti contro circo Medrano

Inserito da on 5 febbraio 2017 – 06:39No Comment
Ancora una volta Salerno ospiterà un circo che utilizza animali, nonostante l’impegno del sindaco Vincenzo Napoli che, nel suo programma elettorale, aveva dichiarato di volerli vietare. Dal 16 al 28 febbraio, infatti, il circo Medrano attenderà in città. E come sempre attivisti di Veg in Campania e di altre associazioni, uniti dallo stesso senso di giustizia per il quale risulta inaccettabile uno spettacolo basato su addestramenti brutali, viaggi estenuanti e prigionia continua, saranno presenti con presidi informativi per spiegare le loro ragioni, che poi sono quelle degli animali. Il circo Medrano è stato presente a Salerno già a febbraio 2014 ed in quell’occasione gli animalisti sottolinearono che, a dicembre dell’anno precedente, il titolare Albertino Casartelli era stato rinviato a giudizio con l’accusa di maltrattamento di animali. Tra ottobre e novembre 2012, infatti, attivisti di Animal Amnesty hanno seguito il circo Medrano tra Bratislava e Brescia, filmando le condizioni di reclusione degli animali. Il risultato delle investigazioni è racchiuso in un video che su Youtube si trova con il nome “Investigazione al circo Medrano”. Le immagini dell’inchiesta, mandate in onda anche con servizi su Tg nazionali, mostrano animali in condizioni di forte stress e apatia: elefanti che dondolano in maniera incessante con zampe e proboscide, un canguro che trema e si cinge continuamente il corpo in maniera compulsiva con le zampe, tigri impegnate in continue passeggiate nervose nelle gabbie strette, rettili in teche sottodimensionate alle esigenze e al numero degli animali contenuti. Gli elefanti, poi, erano costretti a vivere al gelo, con buona pace della normativa che impone la loro custodia ad una temperatura minima di 20 gradi. Inoltre, l’addestratore Braian Casartelli, durante il suo show con gli elefanti, pungolava ripetutamente gli animali con un bastone, sulla cui estremità, ben nascosto da pennacchi, era evidente un uncino appuntito. Le ragioni delle proteste di tre anni fa stavolta sono diventate ancora più forti, perché il processo si è concluso nel luglio 2016 con una condanna, per il rappresentante del circo Medrano Albertino Casartelli, a 8 mesi di carcere, sia pure con la sospensione condizionale della pena, per il reato di maltrattamento di animali. Reato contestato dopo un’ispezione nell’area in cui il circo aveva allestito il tendone a Padova, in occasione di una tappa della tournée fra il 28 novembre e il 10 dicembre 2012. Secondo quanto si legge nell’accusa, l’imputato “senza necessità, cagionava lesioni psico-fisiche ad animali anche esotici ricoverati presso lo stesso circo, sottoponendoli a comportamenti incompatibili con le loro caratteristiche etologiche”.  Questo è il curriculum del circo che tra pochi giorni arriverà a Salerno. Proprio come nel programma politico 2011-2016 dell’ex sindaco Vincenzo De Luca, in cui si leggeva il mai rispettato punto “Occorre vietare l’attendamento di circhi che utilizzino animali in cattività durante gli spettacoli”, anche stavolta i rappresentanti delle associazioni intendono mettere l’attuale sindaco di Salerno di fronte al mancato rispetto di quello che è il suo impegno preso in periodo di campagna elettorale. Al punto 2 del capitolo “Ambiente”, nel suo programma “Salerno 2020”, viene infatti riportato: “Nella stessa ottica di attenzione nei confronti degli animali sarà vietato l’attendamento di circhi che utilizzino animali in cattività durante gli spettacoli”. Sempre più diffusi ed apprezzati sono gli spettacoli del “Circo Contemporaneo”: una nuova concezione del circo, rivoluzionario, poetico, tra giocolieri, contorsionisti, equilibristi, acrobati e clown, un mondo onirico fatto di musica, suoni e luci. Il corpo, l’arte, la poesia sono i protagonisti assoluti. Un circo che metta in luce solo la bravura dei suoi artisti, un circo senza schiavi, un circo più umano, è l’unico in linea con una società che si definisce civile.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.