Home » Sicurezza

Napoli: arriva in Campania “capsule hotel”

Inserito da on 12 gennaio 2017 – 07:10No Comment

Davide De Falco

Si chiama BenBo, acronimo che sta per Bed and Boarding – letteralmente ‘letto e imbarco’ – ed è uno dei primi  capsule hotel italiani, inaugurato nell’aeroporto di Napoli-Capodichino e che proietta lo scalo campano tra gli hub europei più all’avanguardia. Si tratta di un vero e proprio mini-hotel da 42 camere, da 4 metri quadrati ciascuna, che consentono ai viaggiatori in transito  e a quelli che devono partire al mattino molto presto, di riposare qualche ora comodamente e con tutti i comfort necessari prima di recarsi all’imbarco, come smart tv, ripiano per lavorare al computer o leggere, impianto di aria condizionata e docking station per ricaricare telefoni, pc o tablet. Due delle stanze sono progettate per accogliere disabili. In comune i bagni, ma si tratta di sedici bagni singoli, ognuno con una doccia indipendente e che vengono puliti dopo ogni utilizzo. Una notte costa 25 euro ma si può riposare anche soltanto per un’ora al costo di 8 euro, prezzo che scende a 7 per la seconda ora e a sei per la terza. La clientela a cui si rivolge BenBo è sia quella dei giovani che viaggiano zaino in spalla, portando all’interno dell’aeroporto il concetto di ostello, sia quella delle famiglie, visto che le stanze sono comunicanti fra di loro.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.