Home » • Salerno

Salerno: mentre il medico studia il malato muore

Inserito da on 25 novembre 2016 – 05:54No Comment

Non ci eravamo sbagliati, nel Comune di Salerno esistono due tavoli di contrattazione, quello “massonico” e quello dei perditempo composto dalla Parte Pubblica, nelle vesti del Segretario Generale,  del Direttore del Settore Personale, del Direttore del Settore Ragioneria, del Direttore del Settore Avvocatura, del Segretario Verbalizzante, le OO.SS. ed i Rappresentanti  della RSU (rappresentanze sindacali unitarie). Sembra di queste ultime ore la volontà, da parte dell’Amministrazione, di procedere all’assunzione di altri dirigenti, di cui un tecnico, un amministrativo ed un informatico. ADESSO, APPARE TUTTO PIÙ CHIARO. Infatti, nonostante le reiterate richieste, da parte delle scriventi OO.SS., di procedere ad una riorganizzazione della macchina comunale, seguita dalla presentazione di una nostra  proposta di un nuovo organigramma concreto ed adeguato alle esigenze del territorio e  basato soprattutto sulla razionalizzazione della spesa, ancora oggi non è arrivata alcuna risposta o controproposta in merito se non quella, è sempre più diffusa la voce,  di procedere all’assunzione di altri 3 dirigenti.. Necessita evidenziare, a questo punto, che la nostra proposta di riorganizzazione prevede nel numero massimo di 18 i dirigenti a cui affidare la responsabilità dei vari Settori, rispetto a quella formulata dalla stessa Amministrazione con la Delibera di G.M. n° 82/2014. Questa Amministrazione sembra ignorare la carenza di personale intermedio che di anno in anno viene a mancare sia per quiescenza, sia perché deceduto, per cui appare giusto rappresentare che nel triennio 2016/2018 sono stati e verranno collocati in quiescenza circa n° 116 dipendenti di fascia intermedia (Ctg B/C/D) e n° 2 Dirigenti. Certamente il lavoro che sopporta, già oggi, il personale dipendente va ben oltre alle possibilità lavorative eccedendo i carichi di lavoro ordinario che comportano comunque l’espletamento di prestazioni non retribuite e sottopongono gli stessi ad un tenore di vita lavorativa stressante. Invece di optare per le assunzioni delle fasce intermedie (Ctg B/C/D) con un piano del fabbisogno triennale di assunzione si vogliono sprecare circa 300.000, 00 Euro per l’assunzione di Dirigenti che, a nostro modesto parere, in questo Ente non occorrono. A QUESTO PUNTO. Appare evidente che l’Amministrazione ignora volutamente non solo le proposte concrete delle OO.SS.  ma addirittura il blocco delle ASSUNZIONI  della Dirigenza previsto dalla Legge di Stabilità 2016. È opportuno, pertanto, che di quest’ultimo atto di arroganza venga messo a conoscenza tutto il personale dipendente e la cittadinanza affinché capiscano l’irresponsabilità dell’attuale Amministrazione che anziché interessarsi della risoluzione delle problematiche giornaliere, che investono l’utenza cittadina, con il rafforzamento degli Uffici pensa, solo ed esclusivamente, ad impinguare il proprio orticello con l’inserimento di altre 3 (tre) pedine, oltre a quelli già esistenti ed ai TUTOR (cosiddette balie), che servono a garantire percorsi e provvedimenti certamente non dettati dal buon senso e nell’interesse della   collettività.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.