Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Eboli: coordinamenti cittadini intervengono su referendum

Inserito da on 9 novembre 2016 – 03:23No Comment
Un antico proverbio dice: “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”, ma attualizzandolo, potremmo, con profondo rammarico, riflettere sul trasformismo che ad Eboli è una piaga dilagante. L’annuncio di Cariello che esorta a votare “SI” al referendum, era oramai un passaggio obbligato. Ad accelerare l’uscita mediatica, è stata la figuraccia fatta dopo la tanto clamorosa quanto catastrofica esclusione di Eboli, in primis, dalle aree di crisi (voluta da De Luca), e dal “Programma Cultura” in secundis. Erano mesi che oramai si erano persi i contatti con gli elettori che hanno garantito la sua elezione. Ci riferiamo al popolo di centro destra che aveva creduto ( tranne noi) alla favola di un candidato di chiara matrice rossa che per il bene della comunità era passato con il Psi di Caldoro. Nessuna condivisione di valori, di programmi nè di ideali, bensì solo bramosia di potere guidata dal vento politico del momento. Il tutto NOI lo avevamo previsto e per questo abbiamo fatto una campagna elettorale basata sulla “coerenza e sulla dignità”, parole sconosciute all’attuale primo cittadino. Ricordiamo persone che, in fase di propaganda, avevano proclamato il loro sostegno elettorale in nome del vero uomo di centro destra; ricordiamo individui che spendevano il loro tempo a rilasciare interviste giornalistiche per elogiare la scelta fatta nell’alveo del centro destra; e, come dimenticare, gli pseudo ” dissidenti” che lanciavano strali affinchè i nostri coordinatori provinciali abboccassero all’amo Cariellano. E adesso i consiglieri comunali Guarracino, Masala, Merola, Marchesano, Lenza, Piegari, Presutto,   cosa faranno? Restano ancora coerenti con il loro manifestato CREDO POLITICO? Avranno il coraggio delle proprie azioni? Difficile credere che passeranno all’opposizione!: manca il coraggio …manca l’acutezza del futuro, senza mai porsi la questione della sincerità politica! Avrà il Vice Sindaco la coraggiosa consapevolezza di dover lasciare la SUA poltrona, in nome della propria appartenenza? o continuerà a rimanere in maggioranza come riferimento di minoranza? E quale sarà la reazione del nuovo Psi Provinciale al riguardo, visto che Caldoro si sta spendendo in prima persona per il “NO” referendario? A queste domande risponderanno, se vorranno, i diretti interessati!Noi continueremo, sulla via della coerenza, a spiegare le ragioni del “NO”, a fare SANA opposizione con il nostro consigliere comunale Damiano Cardiello, contro questa mescolanza di scaltre volpi della, sempre più VECCHIA politica ebolitana.”
Coordinamento Cittadino Forza Italia
Coordinamento Cittadino Giuventù Ebolitana
Coordinamento Cittadino Eboli Avanti

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.