Home » > Primo Piano

Salerno provincia di cultura: correva l’anno Duemila

Inserito da on 10 gennaio 2016 – 09:01No Comment

Giuseppe Lembo

Erano oltre mille gli organismi culturali salernitani in rete culturale per promuoversi e promuovere i territori che, nonostante siano ricchi di saperi, di umanità, di storia, di valori antropici, purtroppo sono stati sempre esposti al grave rischio di un diffuso e crescente nanismo culturale che agisce familisticamente, rendendo difficile il cammino uomo-sociale salernitano delle tante cose buone. La Consulta della Cultura era una cosa veramente buona. Un esperimento di insieme umano-sociale e soprattutto culturale utile al confronto delle idee ed a quella crescita socio-umana e culturale che serve all’uomo del nostro tempo per, cambiando, cambiare il mondo; tanto, pensando insieme ad un mondo nuovo; ad un mondo umanamente e culturalmente positivo con i diritti umani universalmente garantiti a tutti. Per questo obiettivo, in difesa dei diritti propri dell’uomo della Terra, universalmente riconosciuti, nasceva a Salerno, come solidale volontà di insieme, la Consulta Provinciale della Cultura. Una importante rete culturale utile a costruire sui territori salernitani un mondo migliore, creando così un futuro nuovo; un futuro possibile anche per quelli che verranno; senza esclusione e/o pretestuose differenze dei forti sui deboli della Terra. È oggi più che mai, per questo fine, assolutamente necessario, partendo dal precedente atto fondativo, riproporne la rinascita, con un utile percorso umano e sociale d’insieme; tanto, per dare, attraverso la buona cultura, anche al territorio campano e salernitano, la speranza di un cammino nuovo, ridando alla gente, quella perduta dignità di vita, da tempo cancellata a causa di un mondo senza cultura, senza valori, senza rispetto dell’uomo per l’uomo e purtroppo, gravemente ammalato di nanismo culturale. Bisogna riprendersi la cultura, come valore d’insieme; con il protagonismo culturale si può cambiare e cambiare il mondo, garantendone, anche da NOI il futuro possibile, il frutto di un saggio percorso di vita, con le radici nella cultura e nei saperi, il primo oro del mondo per tutti gli uomini della Terra. A partire dalla fine degli anni ottanta, grandi le attese italiane per la cultura anche in  Campania e nel salernitano si cercava di percorrere strade nuove, andando convintamente insieme verso il nuovo culturale. La cultura e la conoscenza umana oggi più che mai è importante; serve per vincere le tante e gravi inquietudini.

*ex Presidente Consulta Provinciale Cultura

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.