Home » > Primo Piano

Salerno: Coro Casella al Santuario Maria SS. del Carmine tra scroscianti applausi

Inserito da on 13 dicembre 2015 – 09:01No Comment

Rita Occidente Lupo

Natale tra dolci note, al Santuario di Maria SS. del Carmine, retto da don Benedetto D’Arminio. Il terzo appuntamento canoro, per entrare nel vivo dello spirito natalizio, ha avuto a protagonista il Coro Casella, diretto da Caterina Squillace. In un clima attento e piacevolmente rapito dai virtuosismi canori, un altro successo per il gruppo polifonico, che da un bel pezzo ha varcato i confini locali, raggiungendo anche oltr’Alpe unanimi consensi. La musica classica cinquecentesca, fino al contemporaneo, ha incassato scroscianti applausi su note carols anglosassoni. Dopo il terzo premio a Rimini e nell’Alta Normandia, ancora un terzo posto, a Matera, alla rassegna nazionale:  i 20 coristi, sotto l’egida della Squillace, continuano a mostrarsi talentuosi, cantando a cappella. Da 27 anni, il coro costituito da tenori, bassi, soprani, stende l’ugola nella trasmissione dell’alto valore artistico della musica. Numerosi gli appuntamenti che anche in città, nello spaccato natalizio, lo vedrà ancora una volta protagonista: presso il Teatro la Ribalta e poi nella Parrocchia di Santa Margherita. La serata al Carmine, come dichiarato dalla direttrice in apertura tra qualche nota di commozione, dedicata alla recente scomparsa materna, Anna Lo Sasso Squillace. Ancora una volta, come commentato nella presentazione del priore della congrega Paolo Califano, il Santuario mariano ha offerto alla fruizione non solo dei numerosi fedeli, che partecipano assiduamente alla vita sacramentale, un momento di relax spirituale, incarnando anche il dictat agostiniano “chi canta bene, prega due volte!” In tale ottica, ancora qualche altro appuntamento corale, commisto alla liturgia natalizia, che sorride tra i numerosi presepi, allestiti in bella mostra nelle fogge più disparate, nei locali annessi al Santuario, visitabili tutti i giorni gratuitamente. In attesa dell’Emmanuelle, che dalla culla di Betlemme, da oltre Duemila anni, non cessa di attendere la conversione dell’uomo, che mai come in questo momento, invitato a recepire in toto il messaggio angelico “Pace in terra agli uomini di buona volontà!”

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.