Home » • Cilento e Vallo di Diano

San Gregorio Magno: Mettiamoci il Cuore presenta “Pennelli bruciati”

Inserito da on 31 agosto 2015 – 01:58No Comment

Si svolgerà venerdì 4 settembre presso l’aula consiliare del comune di San Gregorio Magno alle ore 19:30 la presentazione del libro «Pennelli bruciati» di Maria Policastro l’evento organizzato dall’associazione <Mettiamoci il cuore>. L’autrice, originaria della cittadina gregoriana, in questa raccolta di poesie racconta le esperienze che hanno caratterizzato la propria vita. Sin dalle medie, ha sentito l’esigenza di scrivere per poter evadere dalle forti emozioni che la sua condizione di ipovedente le causavano trovando il giusto rifugio tra le parole. Ad introdurre la discussione sarà Gregorio Marino Presidente dell’associazione «Mettiamoci Il Cuore» a cui seguiranno gli interventi di: Cinzia Duca – Responsabile settore cultura dell’associazione, Dott. Sinibaldi Rufolo – Dirigente responsabile pro tempore U.O. medicina del dolore e cure palliative distretto sanitario di Eboli/Buccino, Don Roberto Piemonte – Parroco di San Gregorio Magno, Barbara Cussino – funzionario della Provincia di Salerno settore musei e biblioteche, Vito Iuzzolino – Consigliere Comunale di San Gregorio Magno, Onofrio Grippo – Sindaco di San Gregorio Magno, Giovanni Caggiano – Presidente della Comunità Montana Tanagro Alto e Medio Sele, Gerardo Malpede – Consigliere Provinciale ed Angelica Saggese – senatrice del Pd. Modererà l’incontro Despina Diakanthos dell’associazione «Mettiamoci Il Cuore». In ogni poesia emerge la sensibilità della giovane autrice gregoriana, ma tuttavia la lirica che rappresenta maggiormente la scrittrice è «Ad occhi cechi» che :«oltre a descrivere la mia condizione – come racconta la stessa Maria Policastro – è una metafora per descrivere la mia paura di non riuscire più a vedere oltre quello che i miei “Pennelli bruciati” riescono a dipingere, in essa è racchiusa tutta la mia voglia di provare a resistere al buio che potrebbe avvolgermi se io mollassi, poiché non importa quali siano i colori che dipingono il nostro viaggio su questa terra, ma l’importante è provare sempre e comunque a tracciarne i tratti nella maniera più definita possibile, per cui credo che non dobbiamo mai abbandonarci ai nostri “Timori”, ma dobbiamo sempre provare a spingerci un passo oltre, oltre il brutto momento che si sta vivendo, oltre i ricordi, oltre la gioia, oltre il primo impatto, noi dobbiamo essere i primi a credere che il nostro “effetto alone” in realtà è solo una convinzione da scardinare». La serata proseguirà in piazza municipio con il cant’autore Nicola Paterna, che declamerà una selezione di poesie tratte dal libro e si esibirà nell’interpretazione di alcune canzoni.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.