Home » Sport

Salerno: Rari Nantes torna a far punti, ma 7 Scogli strappa il pari alla “Vitale”

Inserito da on 28 febbraio 2015 – 00:00No Comment

La Rari Nantes torna a far punti dopo tre sconfitte consecutive, ma strappa solo un pareggio ad un ostico 7 Scogli, in vantaggio per larghi tratti della gara prima di subire la rimonta giallorossa fatta di cuore ed orgoglio. In formazione rimaneggiata per le assenze di Lupo e Gennaro Parrilli, Mario Grieco lancia nel sette iniziale Ferrigno in porta, Bagnoli, Siani, Gallozzi, Pasca, Esposito e Vuolo. Siciliani subito avanti con un piazzato di Legrenzi con Bagnoli temporaneamente nel pozzetto. Immediata la replica giallorossa con un tiro potente di Pasca che non lascia scampo a Cozzolino Pipicelli. La Rari prova a mettere la freccia con Gallozzi, innescato da un intelligente assist di Siani, ma sempre dalla distanza arriva il pari aretuseo con Legrenzi che beffa Ferrigno. 7 Scogli di nuovo in vantaggio con Zovko, bravo a liberarsi dalla morsa di Gallozzi e Siani e battere Ferrigno. Il sette di Aldo Baio allunga a +2 con una palombella di Messina con Donnabella nel pozzetto. In apertura di seconda frazione Camilleri realizza il rigore del +3. La Rari è sprecona in avanti, di contro 7 Scogli non sbaglia un colpo e scappa sul +4 con Tagliaferri lasciato indisturbato dalla difesa giallorossa. La Rari s’innervosisce ed inizia a forzare conclusioni dalla distanza, ci pensa Pica a spezzare la lunga astinenza ed a realizzare con una bella girata. Replica immediatamente Zovko sfruttando una colossale dormita collettiva dei giallorossi. Tocca a Bagnoli con un bel piazzato mancino capitalizzare la prima occasione di superiorità numerica dopo ben quattro errori. A metà gara Salerno è sotto di tre reti. Mario Grieco striglia i suoi, la Rari torna in partita ad inizio terzo parziale con Esposito che scaraventa in rete sfruttando l’uomo in più. La gara s’incattivisce, si moltiplicano i contatti ravvicinati con gli arbitri costretti agli straordinari. Donnabella riduce il passivo ad una sola lunghezza, con ben tre uomini nel pozzetto (due per 7 Scogli, Siani per la Rari). Messina fa respirare i siciliani, realizzando con Esposito fuori per espulsione temporanea. La Rari è viva e va a segno ancora con Pasca. Siani fallisce la palla del pareggio, Legrenzi punisce in controfuga riportando 7 Scogli avanti di due reti. Ospiti avanti 9-7 al quarto e decisivo parziale aperto da un bel tap-in di Vuolo che riduce ad un solo gol lo scarto. 7 Scogli però è implacabile in superiorità numerica e realizza con Bordone con Gallozzi fuori per espulsione temporanea. Postiglione ha il rigore del -1 assegnato per scorrettezza di Puglisi che, espulso dagli arbitri, non abbandonava la vasca continuando a partecipare al gioco. Nell’occasione il numero cinque aretuseo rimedia anche il cartellino rosso per proteste. Postiglione realizza, Rari sotto di un gol a 5’ 12’’ dalla fine. Pica in controfuga fallisce il pari, ma il numero otto giallorosso si rifarà a 2’ 04’’ dalla fine realizzando il 10-10. Rari finalmente lucida e concreta nella gestione dell’uomo in più. Il finale è al cardiopalma. Camilleri esalta i riflessi di Noviello, bravo a chiudere ancora su Legrenzi. A 32’’ dalla fine è ancora 10-10 con palla in mano Rari, ma Cozzolino Pipicelli fa buona guardia su Esposito. “Il pareggio è risultato che rispecchia fedelmente l’andamento della gara – commenta Grieco – 7 Scogli è ottima squadra ed anche oggi l’ha dimostrato venendosi a giocare la partita alla pari. Noi siamo in un momento non ottimale dal punto di vista fisico e mentale. Creiamo tanto, ma continuiamo a sprecare troppo in fase di conclusione. Questo ci fa innervosire e rischiamo di compromettere le partite. Per come s’era messa la gara è un punto guadagnato, peccato perché una vittoria ci avrebbe consentito di staccare ulteriormente le inseguitrici e rilanciarci in classifica”.

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.