Home » > EDITORIALE

Cellulare a scuola?

Inserito da on 19 gennaio 2015 – 00:00No Comment

di Rita Occidente Lupo

Telefonini out dalle aule italiane. Non così a New York, dove il sindaco li ha fatti entrare dalla porta principale. In Italia, una circolare del 2007, del ministro Fioroni, ne vietava l’uso tra i banchi. Ma la Buona Scuola renziana, pare aprire varchi al BYOD (Bring Your Own Device, “porta il tuo dispositivo”) che consentirebbe l’utilizzo di smartphone. In America, diverso anche il sistema d’accesso scolastico: il metal detector, individuante eventuali presenze di armi. Se finora gli studenti dovevan parcheggiare il proprio telefonino anche a pagamento, su furgoncini durante l’orario scolastico, ora tranquillamente lo tengono in tasca o lo utilizzano sul banco. In Italia, invece, anche se le famiglie a volte voglion sentirsi maggiormente sicure, nel poter rintracciare il proprio figlio anche durante l’orario scolastico, regge ancora il divieto, eluso da suoneria bassa, nell’anonimato tra i banchi. La circolare di Fioroni ai tempi degli essenziali cellulari, antesignani di tablet e smartphone. Oggi che la scuola esplora internet e che a portata d’indice il touch,  col Bring Your Own Device, letteralmente “porta il tuo dispositivo”, un’altra scena: i discenti possono connettersi. Per non parlare della  banda larga veloce, wi-fi programmabile per classe (con possibilità di disattivazione quando necessario) e un numero sufficiente di dispositivi mobili. La scuola cambia ed anche le disposizioni un tempo stimate inappellabili, oggi rivisitate ed adeguate ai tempi!

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.