Home » Cronaca

Riceviamo e Pubblichiamo: ricordando Pino “Napule s’è fermata”

Inserito da on 7 gennaio 2015 – 00:00No Comment

 A Pino…da Antonio Di Riso*

 Stu juorno è sbagliato

 l’anno nuovo è senza speranza

 è male accummenciato.

 Tutti i spergiuri so scumbinati

 o viento c’ha portato

 na brutta notizia

 ch’è ssuccieso?

 O cor e nu frate s’è fermato.

 Pe dint’i viche sempre chiù scuri

 nun se sente niente

  nun ce sta chiù allerìa

 i panni appise so vestuti ‘a lutto.

‘A mort c’ha cumbinato duje guaje

 uno a te gruosso assaje

 arrubbannete all’aria già malata

‘a nuje stammatina c’ha fatto aizà mutilati.

 Stanotte tutto attuorno ‘o Vesuvio se n’è fujute

‘o sole , ‘o mare accumpagnate da‘ ‘o cielo

 hanno fatto à valigia

 ma restano ‘i canzone toje a ce fa cumpagnia

perché c’ha pigliato na  tremenda pucundrìa.

 Pinù! Nun voglio credere che t’hanno ingannato

 chesta resta a terra toja

 che te vò nu munno ì bene, azzuppata de poesia,

annamurata d’i passione, d’i pensieri buoni.

Mò aspettamme na ventata nova

vestuta d’i musica e parole.

*Antonio Di Riso, poeta napoletano di nascita di S. Antonio Abate, docente di Lingua e Letteratura francese presso l’Istituto Superiore Regina Margherita di Salerno.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.