Home » • Valle dell'Irno

Fisciano: TASI, termini e modalità di pagamento

Inserito da on 27 settembre 2014 – 05:23No Comment

Nuove agevolazioni per i contribuenti del Comune di Fisciano sul tributo Tasi (tassa sui servizi indivisibili). Ad annunciarle è l’assessore al bilancio, Franco Gioia, sempre attento alle dinamiche sociali che inducono ad applicare detrazioni nei confronti delle famiglie meno abbienti. Nello specifico, viene applicata una detrazione di 30,00 euro per ciascun figlio convivente di età non superiore a 26 anni. Sono esentati dal pagamento della Tasi i proprietari di un abitazione con rendita catastale inferiore a 250,00 euro comprensiva di pertinenza. “E’ nostro compito, e soprattutto dovere istituzionale – spiega Gioia – individuare strumenti di ammortizzazione tributaria per alleggerire il carico fiscale delle famiglie residenti sul nostro territorio. Le aliquote applicate alla Tasi sono un esempio dell’impegno dell’amministrazione comunale orientato ad agevolare i soggetti meno abbienti al pagamento delle tasse. L’importante è trovare il giusto equilibrio in base al principio costituzionale della capacità contributiva”. “Altra attenzione è stata rivolta agli affittuari di appartamenti. La legge prevede, in via facoltativa, che parte della Tasi venga accollata al locatario di un’abitazione presa in affitto. Il nostro regolamento comunale prevede, invece, che l’affittuario non venga gravato di alcun costo, stabilendo che il pagamento della Tasi venga eseguito solo dai proprietari delle abitazioni”. “In ultimo – conclude Gioia – applicando le detrazioni, la legge ci consentiva di aumentare l’aliquota della Tasi fino a un massimo di 3,3 per mille. Opportunità che non abbiamo preso in considerazione proprio per andare incontro alle esigenze dei contribuenti. In questo modo abbiamo mantenuto l’aliquota base del 2,5 per mille senza applicare ulteriori incrementi”. Il presupposto impositivo della TASI è il possesso, a qualsiasi titolo, di fabbricati adibiti ad abitazione principale. Per la TASI la 1ª rata di Acconto è da versare entro il 16 ottobre 2014, la 2ª rata a Saldo va versata entro il 16 dicembre 2014. È ammesso il versamento in un’unica soluzione entro il 16 ottobre 2014. Per l’IMU la seconda rata a saldo è da versare entro il 16 dicembre 2014, calcolando la differenza d’imposta dovuta applicando l’aliquota del 9,8 ‰ Il contribuente provvederà al calcolo del nuovo tributo TASI in “autoliquidazione” come di consueto avviene per l’IMU versando obbligatoriamente tramite il mod. F24. Il versamento minimo annuale è stabilito in € 5,00.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.