Home » Senza categoria

Casoria: Anida contro barriere architettoniche

Inserito da on 27 settembre 2014 – 00:59No Comment

Il grado di civiltà di una città si misura dalla tutela offerta alle categorie più deboli. Una recentissima lettera di Piero Fassino, presidente dell’ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani, ricorda il dovere dei sindaci di impegnarsi per l’eliminazione delle barriere architettoniche, su sollecitazione delle associazioni che tutelano i diritti dei Diversamente Abili. Pur riconoscendo le difficoltà per i tagli nei trasferimenti economici statali e per gli obblighi derivanti dai patti di stabilità Fassino ricorda l’obbligo alla tutela delle categorie svantaggiate. Obbligo che a Casoria viene totalmente dimenticato. L’amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Vincenzo Carfora, non solo non segue le direttive del presidente Fassino per le strade ed i marciapiedi già esistenti, ma addirittura dove esegue lavori per il rifacimento del manto stradale e dei marciapiedi le crea. Lavori eseguiti nei mesi di luglio-agosto 2014 tra Via Marconi e Via Principe di Piemonte: pochi gli accessi ai marciapiedi per i disabili e quelli presenti risultano non a norma e addirittura pericolosi. Poche sere orsono un diversamente abile in carrozzella ha rischiato il ribaltamento della sua carrozzella nell’ accedere al marciapiede da uno scivolo, come detto non a norma, salvato da conseguenze per la sua incolumità, da un gruppo di anziani che assisteva alla scena. Lavori eseguiti nei mesi di luglio-agosto 2014 in Via Armando Diaz: marciapiedi che terminano con uno scalino a dir poco pericoloso e alcuni così stretti da non poter transitare con una carrozzella elettrica (Istituto Brando); Da troppo tempo l’ A.N.I.D.A guidata dal suo Presidente Giuseppe Sannino chiede maggiore attenzione all’Amministrazione Comunale sul tema dell’eliminazione delle barriere architettoniche e non solo, appelli rimasti finora inascoltati. Come sempre l’associazione è pronta al confronto con chiunque voglia intraprendere iniziative concrete a favore dei disabili. L’A.N.I.D.A. continuerà a denunciare la cattiva politica e a mantenere il suo impegno a favore dei più deboli. L’associazione denuncia da tempo una carenza di programmazione per la realizzazione di attività, interventi e iniziative rivolte alle persone con disabilità. Vista la latitanza del Sindaco Carfora chiede la convocazione di un apposito consiglio comunale con la presenza dell’associazione per discutere dei problemi e dei disagi dei Diversamente Abili Casoriani.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.