Home » • Salerno

Salerno: Ncd, elezioni provinciali, candidati espressione territori

Inserito da on 25 settembre 2014 – 06:01No Comment

Rol

Il ruolo dei Comuni nelle Province, alla luce delle imminenti elezioni che ridisegneranno il volto di enti ancora in bilico di competenze. A Palazzo Sant’Agostino, il centro-destra ha chiuso il cerchio sulla candidatura del sindaco di Mercato San Severino, nonchè assessore regionale all’ambiente, Giovanni Romano “che per la sua qualità civica, elemento trainante per tutte le forze politiche. La sua esperienza può solo imprimere un rilancio all’ente, in un momento difficile per il Paese.” Questo il commento del consigliere comunale Roberto Celano, nel corso della conferenza stampa pomeridiana, candidato nella lista del Ncd alle provinciali, con: Rosario Bisogno, Vincenzo Bove, Antonio Fiscina, Matteo Monetta, Enzo Pagano, Pasquale Vitiello e Francesco Plaitano. L’elezione per il consiglio provinciale costituisce senz’altro una novità, in quanto non sono i cittadini chiamati alle urne, ma i singoli amministratori. Inoltre, non prevista l’espressione del voto di lista, per cui la scelta soltanto sul candidato. Il 12 ottobre, presso la sede della Provincia, dalle ore 8,00 alle 20,00, urne aperte per ospitare schede di diverso colore, a seconda della densità demografica comunale. ” Dialoghiamo con le forze di Centro, per chiamare a raccolta le anime moderate-ha proluso Pasquale D’Acunzi, responsabile Enti locali del Partito-. Obiettivo, la casa con moderati che non hanno aderito a percorso comune, ma la strada di mezzo, quella che intendiamo battere.” Anche Guido Milanese, nel direttivo nazionale del partito ha portato il suo saluto, unito a quello di segretario nazionale Gaetano Quagliariello, che auspica una brillante vittoria del centro destra alle provinciali. “Malgrado la direzione anomala dell’Udc -ha aggiunto il sottosegretario alla difesa Gioacchino Alfano- urge sensibilizzare i territori, convincere le popolazioni a far votare gli amministratori per i singoli candidati. Che saranno senz’altro oggetto d’attenzione seguente. Il nostro un partito nuovo, che ha già dato segni di apprezzabili consensi.  Non siamo disposti a rispondere ad atteggiamenti padronali, per cui il nostro, un partito del territorio che non si fa deridere, in quanto crede fermamente in un progetto, in nome del quale, anche se dolorosamente, ha dovuto creare una scissione da Berlusconi, per divergenza d’opinione.” “Siamo molto corteggiati- ha concluso l’assessore regionale Severino Nappi-per cui le elezioni provinciali, cartina al tornasole dei consensi. Continueremo a lavorare dialogando coi territori in questi gironi, incontrando singolarmente le diverse comunità, per essere tra la gente, come sempre in una politica di servizio.”

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.