Home » > SCIENZE E LETTERE

DC-Libertas: il monito dei vescovi e il richiamo di Pittella al gioco di squadra

Inserito da on 15 settembre 2014 – 00:00No Comment

 Tra il messaggio dei vescovi della Basilicata, che hanno fatto sentire la vicinanza ai lavoratori e le famiglie in difficoltà e auspicano a breve termine “un progetto di ripresa e di occupazione che sia sostenuto da tutte le forze sindacali ed imprenditoriali” e il richiamo del Presidente Pittella al “gioco di squadra” trovo una forte sintonia riconducibile ad un alto monito per tutti i cattolici impegnati in politica. E’ il commento del segretario regionale della DC-Libertas Giuseppe Potenza ricordando la recente testimonianza del Presidente della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) Monsignor Superbo che ha scelto di stare tra lavoratori precari e disoccupati. Il presidio da giorni, davanti la sede della Giunta Regionale, di lavoratori che vivono con le loro famiglie di poche centinaia di euro al mese di indennità in deroga e rischiano di non poter più contare nemmeno su questa elemosina dello Stato, al pari dei frequenti casi di disperazione di cui si occupano i giornali regionali e del “bollettino di guerra” di rapporti e statistiche sempre più allarmanti – aggiunge – esigono risposte non più ordinarie e formali. Siamo certi che il Presidente Pittella – dice Potenza – saprà cogliere questi segnali e valorizzare sensibilità ed impegno sociale del mondo cattolico come di quello della fede. E’ soprattutto il richiamo dei vescovi a stare insieme, mettendo da parte facili ed inutili polveroni polemici sullo “sblocca Italia”, per individuare sempre uniti, il percorso della ragionevolezza, della fermezza e della progettualità sociale – afferma il segretario DC-Libertas – che deve ispirare la classe politica e dirigente della Regione a costruire condizioni, occasioni ed opportunità di ripresa. Ed è proprio quello che ho letto nelle parole del Governatore con l’invito a riflettere prima di parlare dello “sblocca energia” e quindi a tenere conto dei quattro tempi della partita, come li ha definiti, rifuggendo dal populistico atteggiamento di “tutto e subito”, da battaglie su interessi particolari e da congiure. Colgo infine un ulteriore segnale di sensibilità sociale nella ripartizione dei 50 milioni sbloccati con finanziamenti destinati al Copes, ad assegni di cura, ai malati di Sla.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.