Home » > Primo Piano

Il rottamato non incensa il rottam…attore

Inserito da on 7 settembre 2014 – 08:01Un commento

 
Oltre ad aver criticato recentemente il protagonismo di Matteo Renzi, che che peralro ha trasformato il partito in un movimento personale, Massimo D’Alema ha dichiarato: “Il premier si sforza ma i risultati sono 
insoddisfacenti”. Effettivamente, pur fra tante roboanti promesse, ADESSO mancano i fatti. E’ facile preannunciare un altro Concorsone Scuola per 150.000 (?!?) assunzioni nel futuro, mentre per il secondo anno consecutivo migliaia di vincitori e idonei del concorso 2012 sono stati lasciati cinicamente senza lavoro.“Passo dopo passo” giovani e non più giovani, pur avendo superato una severissima selezione, sono ancora a spasso. E non è uno spasso…
Arnaldo Amabile

Un commento »

  • Arnaldo Amabile scrive:

    A proposito del Concorsone beffa per 8 mila docenti, Camilla Mozzetti del Messaggero ha scritto:

    “””Seguendo un puro ragionamento logico, l’assunzione attraverso un concorso pubblico dovrebbe essere la procedura più semplice da attuare. Non è così per la categoria professionale degli insegnanti costretti a confondere la parola concorso con caos.
    Sono ormai due anni che aspettano di vedersi riconoscere una cattedra, dopo aver superato le tre prove del concorsone del 2012. Parliamo degli oltre 8mila insegnanti italiani che, pur avendo superato la selezione indetta dall’allora responsabile di viale Trastevere, Francesco Profumo, (dopo ben 13 anni dall’ultima prova) sono ancora in attesa di un posto.
    Il maxi concorso di due anni fa metteva a bando 11.542 posti d’insegnamento nelle scuole italiane. Alle prove si presentarono in oltre 320 mila. L’obiettivo del ministero era quello di assorbire i vincitori in maniera graduale: un primo gruppo docenti – 4.500 persone – sarebbe dovuto diventare di ruolo nel corso dell’anno scolastico 2013/2014, mentre il secondo gruppo di 7.042 insegnanti avrebbe potuto finalmente ottenere un contratto nel successivo anno scolastico. Queste erano le promesse. I risultati, finora, invece sono altri “”".

1 Pingbacks »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.