Home » • Salerno

Salerno: Asia, allarme criminalità

Inserito da on 17 agosto 2014 – 06:16No Comment

 L’allarme lanciato da Asia mesi fa sembrava essere eccessivo , ma vedendo gli ultimi accadimenti sembrano essere allarmi reali, forse non prese in considerazione. Sulla questione criminalità interviene il Presidente Regionale di Asia Flavio Boccia che da mesi lancia l’allarme , infatti un mese fa è stato richiesto un incontro con il Questore Alfredo Anzalone, ad oggi ancora non fissato e che a questo punto sembra inevitabile ed urgente. Il presidente Boccia dichiara ” Gli imprenditori sono letteralmente abbandonati; dopo l’ennesimo caso  di criminalità, che ha riguardato il furto di un bar di Mercatello, abbiamo richiesto l’intervento del Questore ed un incontro. Ad oggi la nostra richiesta è risultata vana: oramai le associazioni di categoria dei commercianti sono assenti, in quanto incentrate a mantenere equilibri personali in Camera di Commercio, soprattutto in previsione del taglio del diritto camerale, che eliminerebbe i fondi dati alle associazioni.  Dopo questo ennesimo atto criminale ben più pericoloso, chiediamo con urgenza un tavolo in presenza del Questore e del Prefetto, in quanto le istituzioni devono prendere una posizione immediata e forte insieme agli imprenditori”.
Forte l’azione di Asia, che in questi mesi sembra tutelare gli imprenditori di Salerno città e non solo. Le istituzione chiamate devono reagire e forse ascoltare di più i cittadini, gli imprenditori e chi li rappresenta, Salerno negli ultimi mesi ha dato dei segnali negativi da prendere seriamente in considerazione. Conclude Boccia ” Il problema criminalità deve essere trattato seriamente, prendendo in considerazione anche l’allarme sui casi di concorrenza sleale, mediante la creazione di società fittizie, che vendono i prodotti sotto costo, eludendo ed evadendo le tasse; non chiederemo per il momento agli imprenditori di scendere in strada ma se le cose continuano così, lo faremo!”

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.