Home » • Salerno

Salerno: Alec, Ambulanti Abusivi in Coop? Potrebbe rappresentare giusta soluzione

Inserito da on 13 agosto 2014 – 06:022 Comments

In questa  bizzarra estate 2014  è scoppiato un gioco, a dir poco, inquietante; complici    l’intera classe politica senza differenziazione di classe e provenienza di sparare sul “mucchio”  dei venditori abusivi, responsabili di “rovinare” il territorio sui quali “esercitano la propria attività”   con ricadute negative sull’intero comparto, già collassato per l’irriducibile crisi economica. Nessuno di tali rappresentanti politici cultori e divulgatori della  ccd “economia liberista”   è stato  capace – al di là di proclami  -  di contrastare il “fenomeno”  trovandone soluzioni  e/o adeguate contromisure. Si invocano proclami  nel nome della legalità attraverso comunicati stampa  per una effimera  parata politica  barricandosi dietro una scena ideologica  e puntando   con violenza il dito contro il “venditore ambulante” paragonandolo ad un pericoloso criminale e/o killer  multirazziale  e scaraventandolo sulla gogna mediatica perché  unico responsabile della  debacle del commercio. In Italia esistono diverse migliaia di  venditori abusivi  stranieri, che specialmente nel periodo estivo affollano il litorale  della penisola  per tentare di raggranellare qualcosa e sfamare quei  figli  sempre più denutriti e privi di  vitali  necessità: negli ultimi anni a tale folta schiera di rappresentanti  si  è affiancato  un  numero crescente di padri di famiglia italiani, trovatisi improvvisamente senza lavoro e/o occupazione. Tale spinta  nel perimetro dell’abusivo ambulante  si è resa necessaria per sfamare i propri figli e, soprattutto, per non “entrare” nel vicolo   dell’illegalità della criminalità organizzata.  Gli scenari si tingono di colori a tinte fosche se a tutto ciò si aggiungono i lacci e laccetti  amministrativi  posti  quale fondamento per l’avvio dell’iter di una legittima richiesta di licenza di venditore ambulante (regolamenti, incapacità di riscontri esaustivi  da parte del personale preposto, ecc ). Ecco quindi analizzato e spiegato lo schieramento degli abusivi nei nostri territori:  sempre più di  frequente  s’ incrociano nelle strade cittadine  ex dipendenti di  opifici “chiusi per crisi” e che s’  improvvisano arrotini, venditori di Gelsi “pascariello  con le cevese “ venditori di grattachecche  ect. Quale la soluzione?  Perché non pensar ad un ritorno e/o  ripristino della legalità con costituzioni  di Cooperative tra i  venditori ambulanti? E’ necessaria una precisazione: la presente nota  non vuole essere una sorta di manifesto che incoraggi l’illegalità, ma intende affrontare il problema  entrando nel vivo della questione e non fermandosi all’aspetto comunicativo come preme ad alcuni personaggi politici i quali lo fanno per una loro visione tornacontistica della questione.

Il presidente Alfonso Angrisani

2 Comments »

  • adolfo nola scrive:

    … si ma non solo per salerno andrebbe anche bene e pure sui treni cosi si mettono apposto tante persone vedete

  • Antonello il Moro scrive:

    Girando su internet ho trovato uesto articolo , io lavoravo con il mio masto come muratore la ditta finiva ed io ho preso la disoccupazione cosa dovevo fare ??’ dopo rubare no allora considerato che tengo i figli che devono mangiare mi so messo a vedere cocacola aranciate birre ed acqua sulla spiaggia prima di pastena e poi in qualche festa ed a lungomare , Sono un povero cristo che non tiene l’amicizia con gli Assessori come altri che lavorano nelle società miste … ma i miei figli sono uguali De Luca lo sai e tu Picarone che ti abbiamo anche dato voti ben 15 di famiglia stiamo ancora aspettando una tua risposta

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.