Home » • Cilento e Vallo di Diano

Sala Consilina: deposito cauzionale utenze idriche, storia infinita

Inserito da on 1 agosto 2014 – 03:14No Comment

Il  modo in cui il Comune di Sala Consilina ha gestito e continua a gestire la questione del trasferimento della gestione della rete idrica ad una S.p.A. di Vallo della Lucania è davvero singolare. Mai ci saremmo aspettati di trovarci di fronte ad amministratori così chiusi alle tematiche che attengono ad un servizio delicatissimo, quale quello idrico. Mai ci saremmo aspettati un diniego a un referendum popolare e atteggiamenti di ostilità nei confronti di chi sta dalla parte del cittadino e di tenera premura nei confronti di una S.p.A. Come associazione abbiamo infatti dovuto ripetutamente sventare il passaggio di 330mila euro circa (questa è la somma che si può calcolare moltiplicando il numero delle utenze per una media di 56 euro) dalle tasche dei cittadini alle casse della S.p.A. di Vallo della Lucania. Non l’opposizione che non c’era e – a detta di chi dovrebbe rappresentarla – ancora non c’è. Per lungo tempo ci siamo riusciti, con l’Amministrazione comunale che appariva distratta rispetto alle esigenze di salvaguardare questo “tesoretto” della comunità salese. A completare questa storia infinita adesso interviene la deliberazione del 28.02-2013 n. 86/2013/R/IDR dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) che all’art. 8, comma 3, recita: Per gli utenti finali con contratti di somministrazione in essere al momento dell’entrata in vigore del presente provvedimento:

a)  il gestore può trattenere a titolo di deposito cauzionale, effettuando i relativi conguagli, le somme versate dagli utenti finali prima dell’entrata in vigore del presente provvedimento a titolo di anticipo sui consumi o di garanzia;

b) qualora i conguagli di cui alla precedente lettera a) debbano essere versati dal gestore all’utente finale, tali conguagli sono versati entro il 31 marzo 2014;

c) qualora i conguagli di cui alla precedente lettera a) debbano essere versati dall’utente finale al gestore, tali conguagli sono effettuati rateizzandoli in almeno due bollette.   

Ci sono ancora due cose da tener presente:

1)  (art. 3, comma 6): Il gestore non può richiedere il versamento del deposito cauzionale agli utenti finali con domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito della bolletta, qualora compresa tra le modalità di pagamento accettate dal gestore. Tale previsione si applica agli utenti finali con consumi annui fino a 500 mc.

2)      (art. 4, comma 3): Il deposito cauzionale non può essere richiesto agli utenti finali che fruiscono di agevolazioni tariffarie di carattere sociale di cui il gestore sia a conoscenza.

Il  Comune di Sala Consilina, a nostro parere, sta continuando ad agire in modo dissonante rispetto a quanto un cittadino si aspetterebbe da un Ente pubblico. Innanzitutto, si spera che vengano spedite ad ogni singolo utente le comunicazioni dell’ammontare del deposito cauzionale versato, con una lettera di accompagnamento che spieghi in modo succinto e chiaro perché la restituzione della somma sia stata preferita ad un’interlocuzione diretta tra l’Ente comunale e la S.p.A di Vallo della Lucania, generosamente ospitata nei locali del Comune. Perché, dopo la restituzione del deposito cauzionale, la S.p.A. di Vallo della Lucania potrebbe liberamente incassare il tesoretto (forse superiore alla cifra stimata) della comunità salese. Ma proprio a proposito di questa inusuale premurosa ospitalità, si vuole chiedere all’Amministrazione, tramite la stampa libera e per le vie formali, nell’interesse di tutti i cittadini di Sala Consilina, a quanto ammonta la somma percepita ogni anno dalla S.p.A. di Vallo della Lucania per i locali dati in uso alla stessa ditta. E, visto che il deposito cauzionale si può richiedere anche per contratti di fitto, semmai ne esistano, a quanto ammonta quello versato dalla S.p.A. di Vallo della Lucania al Comune.

Il responsabile della sede

prof. Roberto  De Luca

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.