Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Bellizzi: riqualificazione area ex consorzio agrario

Inserito da on 11 ottobre 2013 – 03:15No Comment

Cari Concittadini, avverto l’esigenza di scrivervi per sgombrare il campo  da ogni chiacchiera e strumentalizzazione di sorta. La riqualificazione dell’ex – area Consorzio Agrario  è stata appaltata a seguito di regolare e trasparente bando pubblico ogni standard richiesto dalla legge è stato e sarà rispettato. Il Territorio  dell’area  non sarà per nulla deturpato e violentato, ma arricchito e  restituito alla Città. A tutti coloro che annunciano catastrofi ambientali, generando allarmismo, vorrei chiedere di avere il buongusto di valutare  e di opporsi dopo aver visto quello che verrà: un’opera che renderà Bellizzi una perla dei Picentini. In questi giorni, qualcuno parla con eccessiva leggerezza ed approssimazione di Procura della Repubblica e Magistratura:  ebbene, io auspico e faccio voti che al più presto la Magistratura si occupi di Bellizzi e di quanto accaduto durante questi anni.Finalmente sapremo in cosa consistevano gli accordi tra “Galantuomini” sugli espropri che ci  sono costati 1.872.962.96 ad oggi , e non sappiamo ancora quanto ci toccherà pagare; Sapremo chi e quanto ha beneficiato del denaro che oggi siamo costretti a pagare come collettività- Sapremo per quale ragione nelle IACP FUTURA di Via Caserta, non sia stato pagato l’esproprio e per quale ragione non siano state realizzate,  le opere necessarie  gli standard, infine,  per quale motivo piuttosto che un parco giochi ci si è trovato un palazzo; Sapremo quanto di legittimo ci sia stato nella cementificazione scriteriata e senza ritegno del territorio  in questi anni; Noi, in quanto Amministrazione, una volta accertato se vi siano o meno state “forzature” o Atti  non del tutto chiari, non perderemo tempo a costituirci parte civile in un procedimento penale. E’ ora che questa supposta e mai dimostrata (nei fatti) limpidezza morale di chi mi accusa ogni giorno, venga finalmente smascherata e  i responsabili paghino  per i danni perpetrati a danno del “Bene Comune”. Ci vediamo in piazza per valutare insieme il progetto e sarete voi, a cui debbo esclusivamente conto, a giudicare il nostro operato e non chi ha stuprato questo territorio.

Con i miei più profondi sentimenti di stima,

Pino Salvioli

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.