Home » >> Sanità

Eboli: ospedale, richiesta incontro Squillante”

Inserito da on 7 ottobre 2013 – 02:38No Comment

Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda e il Presidente del Consiglio Comunale Luca Sgroia scrivono al Direttore Generale dell’Asl Antonio Squillante e chiedono un incontro con la conferenza dei capigruppo per esaminare le condizioni del nosocomio cittadino, e per discutere delle eventuali prospettive. In più occasioni l’Azienda Sanitaria Locale è stata invitata a partecipare alla conferenza dei capigruppo del Consiglio Comunale, tuttavia la discussione non è stata possibile per l’assenza del rappresentante dell’Azienda. Intanto, con notevole frequenza, compaiono sulla stampa dichiarazioni e allarmi circa il destino dell’ospedale di Eboli. “E’ opportuno – dichiara il Sindaco di Eboli Martino Melchionda  – che la discussione sia condotta alle sedi istituzionali, e che il confronto con chi rappresenta i cittadini sia finalmente aperto.  In mancanza di un riscontro da parte del Direttore Generale dell’Asl, sarà nostra cura invitare l’intero Consiglio Comunale a recarsi presso la sede dell’Azienda per ottenere il necessario confronto.  L’Amministrazione Comunale, i sindacati, i parlamentari, tutti – unitamente ai lavoratori –  si stanno battendo da tempo a difesa dell’ospedale.  Tuttavia, in questa vicenda non esiste l’interlocutore, non si comprende chi debba assumere  le decisioni. I capigruppo consiliari hanno invitato più volte la Direzione Generale e la Direzione Sanitaria ad un incontro. Nessuno si è presentato. In tal modo, si corre il rischio che importanti scelte riguardanti le sorti della sanità nel nostro comprensorio vengano assunte  senza  il necessario confronto con le realtà territoriali. A questo punto, qualora non dovessimo ricevere ancora una volta  riscontro alla nostra richiesta, per ottenere l’interlocuzione, proporrò di presentarci tutti alla sede dell’Asl: consiglieri, parlamentari, rappresentanti politici e sindacali, cittadini e operatori. Occorre un incontro affinché si conoscano le sorti del nostro presidio ospedaliero. Le scelte assunte fino ad oggi hanno già arrecato  seri danni alla sanità locale”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.