Home » > Primo Piano

Salerno: inaugurata “La bellezza dell’arte contro la violenza”

Inserito da on 24 settembre 2013 – 08:01No Comment

Inaugurata, presso l’ex Museo del Falso, la personale dell’artista Gladys Mabel Cantelmi “La bellezza dell’arte contro ogni forma di violenza”. La mostra, voluta dall’Associazione As.Mu.Do- Pace e Giustizia Onlus, nell’ambito del progetto Cuore di Donna, patrocinata dal Comune di Salerno e dalla Regione Campania, accanto all’autrice ha registrato la presenza del direttore del nostro quotidiano, Rita Occidente Lupo, come conduttrice e critico. “Dall’io (Ultrareale) al Cosmo”, un percorso che dalla genesi dell’universo, grazie ad ampie campiture cromatiche, all’individualità, percorre le tappe del divenire esistenziale nella sua differenziazione anche sessuale. Un viaggio emotivo che, partendo dalla pittura materica, finemente ideativa, esplode in una frammentazione anche dell’individualità, transitando per la caduca condizione femminile. Intinta spesso di violenza e di barbarie, in netta antitesi col candore sentimentale, che prende le mosse nel giorno del sì. In un susseguirsi di tele e sagome, cromìe e segni, la Cantelmi narra con estrema vitalità il lento iter dell’agognata libertà individuale: l’inconscio, che pulsa dietro le teorie psicoanalitiche di un inquieto Novecento, a base della ricerca empirica surreale e dell’efferatezza esistenziale. L’artista italo-argentina, che ben coniuga la raffinata sensibilità, a toni di squisita solidarietà, va al di là del reale, in una costante ricerca dei canovacci della post modernità. Dall’olio, sapientemente sfumato, spazi siderali nei quali la scena sempre  lento fluire delle emozioni. Accattivanti anche il fruitore più distratto sia le opere in ceramica, che le tele a parete. La personale ha offerto il fianco al dibattito sull’attuale condizione femminile e sulla violenza che ancora grava sul passo di un’emancipazione saldata col sangue. All’acceso convegno hanno preso parte: Wilma Tabano, presidente di Spazio Donna, linea rosa antiviolenza; MariaRosaria Meo, membro commissione provinciale Pari Opportunità; Anna Petrone, consigliere regionale commissione Mobbing; Lola Tonin, presidente SoSolidarietà. Dalla legislazione, all’attuale cronaca dei nostri giorni, un modo di rivisitare passato e presente, sotto la lente d’ingrandimento di diritti, che ancora la donna, vede spesso negletti non solo nei Paesi islamici o in via di Sviluppo.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.