Home » Curiosando

Mercogliano: nuova tecnica chiusura Dotto di Botallo I^ volta in Italia alla Montevergine

Inserito da on 13 settembre 2013 – 00:00No Comment

Il Dotto di Botallo è un’arteria che nel feto normale porta sangue dall’arteria polmonare in aorta. Alla nascita, quando i polmoni iniziano a respirare, il dotto si chiude spontaneamente nel giro di alcune ore. In alcuni casi esso può rimanere aperto e ciò causa un passaggio di sangue dall’aorta (dove la pressione del sangue dopo la nascita è più alta) in arteria polmonare. La necessità di chiudere il dotto arterioso pervio dipende non solo dal fatto che il continuo passaggio di sangue dall’aorta all’arteria polmonare determina un sovraccarico di lavoro per il cuore, con un conseguente scompenso cardiaco, ma anche dal fatto che il dotto pervio può essere sede di infezioni e può, negli anni, dilatarsi, diventare un aneurisma e rompersi. Alla Montevergine è stato effettuata un’operazione chirurgica di chiusura del dotto arterioso pervio con un intervento extracardiaco, quindi non a cuore aperto e senza necessità di circolazione extracorporea, prima volta in Italia, dallo staff di Cardiologia invasiva della Montevergine, guidato dal dr. Giovanni Sorropago. L’intervento è stato effettuato ad una paziente 50enne che soffriva di spnea tachiaritmie ricorrente ed ipertensione arteriosa grave, con una conseguente qualità di vita scadente. Viva soddisfazione è stata espressa dal dr. Vittorio Ambrosini, responsabile del modulo di interventistica periferica e cardiopatie congenite della clinica campana, che ha effettuato il delicato ed innovativo intervento che è  durato 45 minuti in tutto. Eseguito per via percutanea con un singolo accesso venoso e con l’impianto, per la prima volta in Italia, di un particolare dispositivo occlusore, si è risolto con successo e la paziente è stata dimessa dopo un giorno di osservazione. I sanitari della clinica campana non sono nuovi ad interventi chirurgici d’avanguardia, come per esempio il primo impianto al cuore di anello mitralico anti recidiva impiantato dal Dr. Vincenzo Lucchetti, responsabile della Cardiochirurgia della clinica mercoglianese.

No Comment »

1 Pingbacks »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.