Home » > Primo Piano

Adriano…è Adriano!

Inserito da on 24 agosto 2013 – 08:01No Comment

di Rita Occidente Lupo

Gossip, anima della sana vacanza! Colorante dei giorni, avvolti d’abitudine,  mordente alla curiosità. Così, tra un ombrellone in preda ai venti dei turbamenti atmosferici ed un rotocalco a malapena sfogliato dalla noia, la cronaca che punta i riflettori anche sui particolari. A volte per sdrammatizzare, altre per quel prurito scandalistico, che sempre le impone di tentare scoop! Tra la nera che sbigottisce e l’Imu che fa capolino nelle risicate tasche italiane, vip che inaugurano palestre in Capitale ed ecclesiastici scandalosi. Politici, fruitori di relax, nelle agiate vacanze, in barba all’economia dei comuni mortali e novelli auguri, fustigatori di mala tempora! La Sanità, se strappa il plauso, per l’ottima riuscita dell’antidoto all’anestesia, ipnosi modenese, pur sempre maglia nera in molte regioni italiane, per carenza infrastrutturale e professionalità.  Purtroppo, anche in tale settore, fioccanti raccomandazioni! Caso Celentano: nei giorni scorsi, all’ospedale di Borea, Sanremo, il cantante in vacanza, per una banale frattura al mignolo dell’arto inferiore. L’acclarata notorietà, a tracimar curiosità e fans. Il supermolleggiato, solito look casual, occhiali scuri, riconosciuto e mediaticamente assaltato dai flash. Cure del caso, tempestive! Su tale particolare, non trascurabile, miccia polemica. Sanità accelerata, allorquando il paziente, star o vip. In molti casi, ore stagnanti nei presidi di Pronto Soccorso o in altri reparti, prima della diagnosi dei camici bianchi. Adriano… è Adriano! Seppure mortale: la mappatura saitaria, spesso lascia in ombra vite, poco rilevanti per il popolo del gossip. Ospedali in cui i turni per ferie, ostracizzanti pazienti oncologici, come presso il San Leonardo di Salerno: eppure, ilvalore dell’esistenza in qualsiasi stagione dell’anno ed in qualsiasi condizione o età, giammai in ferie. Ci perdoni il mignolo, del cantore di Yuppi Du!

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.