Home » > Primo Piano

Psicolabilità, pericolo costante!

Inserito da on 15 agosto 2013 – 08:01No Comment

Rita Occidente Lupo

Un ennesimo dramma della follia:  24enne italiano, con problemi psichiatrici,  arrestato dopo aver ucciso a calci e pugni un turista marocchino di 70 anni alla stazione Termini. Nè il primo nè l’ultimo caso alla ribalta della cronaca.Tanti i crimini che impazzano quotidianamente, spesso tingendosi d’inspiegabile. D’imprevedibile. Alcuni, raggiungono il senno di poi. Giustificati, anzi ghettizzati per le dinamiche a monte. Per gli autori, che incapaci d’intendere e di volere, efferatamente eliminano dalla scena terrena cari, conoscenti, amici, estranei. La 180, notoriamente conosciuta come legge Basaglia, dal nome del suo ideatore in Italia,  Franco, 1978, che intendeva dare man forte al rinserimento sociale di soggetti per anni reclusi, pigiata dalla parte degl’infemi. Infatti, se i manicomi, si frantumavano e veniva rivisitata interamente l’assistenza sanitaria dei soggetti psichiatrici, demandandola alle regioni, pur vero che individui patologicamente infermi, a piede libero, capaci di poter nuocere a se stessi ed agli altri. Per troppo reclusi in ghetti e tenuti in prigionìe immobili, con atavici strumenti di tortura, spesso tra pareti scarsamente igieniche ed addirittura in letamai, per la carenza di debita nettezza: una vera e propria rivoluzione copernicana, invertendo parametri e termini del problema stesso. A tappeto più che mai!  In Capitale, il giovane allontanato dal luogo di residenza, dove seguito dai sanitari. Senza alcun apparente motivo ed in pochi istanti, raffica di calci e pugni sul turista, veementemente. Imprevedibile reazione, su chiunque. Sicurezza civica assente, dinanzi a soggetti squilibrati a piede libero. Bandite catene e legislazione, il riscatto della patologia psichiatrica, ma dalla parte del pubblico cittadino, dell’uomo qualunque, al di là dei natali e degli anni, azzerate garanzie. Lo Stato, assente dalla custodia della pubblica incolumità. Sicurezza civica…no comment!

No Comment »

1 Pingbacks »

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


× tre = 3