Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Giffoni Valle Piana: il giorno successivo spazio alla Compagnia Arcoscenico in “Napoli è femmena”

Inserito da on 14 agosto 2013 – 02:44No Comment

Gag e grasse risate nel giorno di Ferragosto. La XVI edizione di Giffoni Teatro, evento promosso dall’Associazione omonima, presieduta da Mimma Cafaro, prosegue domani sera, giovedì 15 agosto ospitando Chicco Paglionico, Vincenzo De Lucia e I Vietato Fumare, ovvero, per chi ancora non li conoscesse, il lavoratore part-time di Ikea, l’imitatore di Mara Venier a Maria De Filippi, e il mitico trio di cabarettisti. Il laboratorio della risata “Komikamente”, diretto da Michele Caputo, diventa uno show a tutti gli effetti in un susseguirsi di sketch esilaranti ed imperdibili. Succede a volte che la finzione diventi realtà e la realtà finzione. Questo è il caso di Paglionico che ha fatto del proprio lavoro una passione o il contrario? Certo è che Chicco, salernitano DOC, lavoratore part time dell’IKEA di Baronissi, ha portato alla ribalta nient’altro che il suo quotidiano. Lo affiancano Vincenzo de Lucia, imitatore e trasformista specializzato nelle parodie femminili del piccolo schermo da Mara Venier a Maria De Filippi a Mara Maionchi, e I Vietato Fumare, i tre cabarettisti che interpreteranno delle esilaranti gag con gli interventi di un novello Cyrano de’ Bergerac e di un suo discepolo, di uno stravagante Ispettore di Polizia e il suo fido appuntato, di una nobile, ma non troppo, contessa, di tre particolari frati cappuccini. Il costo del biglietto è di 6 euro (comprensivo di prevendita). Il giorno seguente sarà la volta della Compagnia Arcoscenico in “Napoli è femmena”. Perché? Perché come una donna riesce ad ammaliare, a sedurre con la sua bellezza. Il suo essere madre e amante, innamorata e concubina, come una donna che vuole attrarre, avvicinare e respingere, in un gioco di continua seduzione. Ma il titolo dello spettacolo vuole essere anche l’ omaggio al rapporto che Napoli ha con la femminilità, con la donna in tutte le sue possibili declinazioni. La donna così come l’hanno raccontata i grandi artisti napoletani in tanti loro capolavori, poesie, canzoni, macchiette, da Di Giacomo a Bovio, da Viviani a Gill, da Eduardo a Russo, tante espressioni che dipingono il profondo e carnale rapporto che da sempre Napoli ha con l’affascinante e complesso universo femminile. (Ingresso gratuito con prenotazione).

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.