Home » Senza categoria

La duplice faccia dei media: autorità e cittadini

Inserito da on 2 agosto 2013 – 08:01No Comment

Amedeo Tesauro

Curiosamente nello stesso momento arrivano all’attenzione del grande pubblico due casi che esemplificano le funzioni svolte dai media nel rapporto cittadino/autorità. Da un lato il caso Datagate, le rivelazioni di Edward Snowden che hanno smascherato i sistemi di controllo dati statunitensi, dall’altro l’ennesimo mistero diplomatico italiano ribattezzato “giallo kazako”. La prima vicenda è già da qualche settimana al centro del dibattito, trattando la problematica questione della nostra sicurezza nell’epoca dell’informazione liberalizzata. Gli Stati Uniti controllerebbero le comunicazioni sul proprio suolo e fuori da esso, spiando i propri cittadini e quelli dei paesi alleati.  Le previsioni apocalittiche del 1984 di Orwell si sono improvvisamente concretizzate facendo felici i teorici del complotto, in verità agitatisi per poco considerando che i mezzi tecnici permettono certi eventualità di controllo, e sarebbe quantomeno bizzarro che il più potente paese occidentale non ne avesse mai fino ad ora usufruito. Il secondo caso è invece squisitamente italiano, proprio del paese in cui a livello istituzionale da sempre succedono cose strane frutto di ingerenze di ogni tipo: Mukhtar Ablyazov, dissidente kazako in fuga dal governo del proprio paese, è l’obbiettivo di un blitz condotto sbrigativamente, blitz nel quale vengono prese moglie e figlia prontamente rispedite in Kazakistan. Poco chiare sono le interferenze kazake e la velocità di certe pratiche, errori o superficialità finite nell’occhio del ciclone. Senza entrare nei dettagli dei due casi, essi rappresentano al meglio i due effetti che i media hanno sui rapporti di potere. Il primo caso ovviamente esemplifica come le autorità che ci comandano possono intensificare il controllo sulla nostra vista, accendendo ai nostri movimenti online e archiviandoli, magari riutilizzandoli contro di noi. In generale più la società è divenuta dipendente dalla tecnologia, più i cittadini sono divenuti dipendenti da chi quella tecnologia la gestisce a tutti i livelli. Simile a un incubo per alcuni, evoluzione naturale per altri, nell’epoca del controllo generalizzato ciò che facciamo diviene immediatamente noto a qualcuno, se non a tutti. Ma ciò vale anche nella direzione opposta. Non si considera quasi mai come i media, fornendo informazioni, minaccino le autorità che attraverso quei media puntano a controllarci. Difatti il caso kazako sarebbe passato inosservato se La Stampa non avesse ripreso la notizia rilanciandola. I social network e la Rete non si sono fatte scappare la questione e subito il giallo kazako è divenuto pubblico, laddove un tempo sarebbe rimasta un’oscura operazione come tante ne saranno accadute in passato quando si poteva operare senza l’invadenza mediatica. Difatti una grande verità riguardo i media è che essi forniscono così tante informazioni da minacciare chiunque, cittadini come poteri precostituiti. Se per i primi è ovvio, per i secondi spesso non si è considerato quanto pericoloso sia il visionare l’operato pubblico in tutti i suoi meccanismi. Così ogni movimento sospetto diviene immediatamente una questione nazionale capace di far cadere un governo. I media consentono di creare regimi autoritari in cui i governi intensificano il controllo sul popolo, allo stesso tempo i media danno anche più informazioni ai cittadini così da conoscere molto più dei processi sottostanti alle autorità. Con tutte le conseguenze del caso.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.