Home » • Salerno

Salerno: nuovo allestimento sala ’600 pubblicata guida breve al Museo Diocesano S. Matteo

Inserito da on 22 luglio 2013 – 06:05No Comment

 Mercoledì 24 luglio 2013 alle ore 19.00 nella Sala Santa Caterina del Museo Diocesano “S. Matteo” di Salerno, alla presenza di S.E. Mons. Luigi Moretti, Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno e di don Alessandro Gallotti, Direttore del Museo Diocesano San Matteo di Salerno si terrà la cerimonia di presentazione dell’allestimento della Sala del Seicento e della Guida breve del Museo, edita da “Art’em”. L’evento, curato e realizzato  dalla Soprintendenza ai BSAE di Salerno e Avellino, consentirà finalmente di fruire al meglio di tutte le maggiori collezioni custodite nello spazio museale di Largo Plebiscito. Quasi tutte le opere esposte nella sala, il cui allestimento è stato curato dall’ex Soprintendente Maura Picciau e  dai funzionari Emilia Alfinito, Vito de Nicola e Lina Sabino, provengono dalle  donazioni fatte alla Cattedrale di Salerno dall’ Arcivescovo Isidoro Sanchez de Luna  nel 1772 e dal Marchese Giovanni Ruggi D’Aragona, che,  nel 1870, donò alla sacrestia del Duomo i dipinti di soggetto sacro provenienti dalla sua  quadreria. Grazie alla loro munificenza, la città di Salerno poté partecipare, anche se in tono minore, alla temperie artistica seicentesca animata  a Napoli dai grandi innovatori, quali Caravaggio, Massimo Stanzione, Mattia Preti, Luca Giordano. La breve guida sarà commentata dalla prof.ssa Stefania Zuliani mentre la sala del seicento e le problematiche, connesse all’interessante temperie culturale testimoniata dalle opere in esposizione, verranno illustrate dal prof. Mario Alberto Pavone dell’Università degli Studi di Salerno. La serata sarà arricchita dalla performance dell’Associazione Culturale Teatri35 di Napoli che presenterà lo spettacolo “Per grazia ricevuta -  tableaux vivants dall’opera di Caravaggio”, realizzato grazie alla collaborazione dell’EPT di Salerno,  e dalla degustazione di gelati offerti dell’antica pasticceria “Panza” di Amalfi.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.