Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

San Cipriano Picentino: “Voci di cori” III^ rassegna polifonica

Inserito da on 6 luglio 2013 – 03:05No Comment

L’abbinamento suggestiva chiesa medioevale-musica polifonica ha trovato la sua espressione più alta nel corso della III RASSEGNA DI CORI POLIFONICI CITTA’ DI S. CIPRIANO PICENTINO (SA) tenutasi nella chiesa di S. Giovanni Battista a Pezzano di S. Cipriano Picentino  sabato 29 Giugno 2013 alle ore 20:00. L’antica “ Ponzano “, attaccata ad un fianco della Visciglieta-Monte Merlo, fatta di case coloniche in cui si aprono ancora antiche corti, di antichi vicoli costeggiati da architetture minori, è un esempio di urbanistica rurale picentina, conservatasi quasi intatta con il caratteristico “lavatoio pubblico”. Al limite dell’antico abitato sorge la trecentesca chiesa di S.Giovanni Battista che conserva tre grandi ancone d’altare di fine XVI secolo e la vasca marmorea di un’acquasantiera, commissionata dal cappellano Cesare De Golia nel 1540. La pala d’altare, opera di una bottega napoletana, è dedicata alla Circoncisione di Gesù e fu voluta dalla famiglia Noschese per la Confraternita del Nome di Gesù che vi aveva sede. La sacralità delle immagini sacre e le statue di Santi di mirabile fattura, hanno consentito una full immersion nel passato, con la fuga prospettica verso il transetto dove hanno preso posto i Cori partecipanti alla Rassegna “VOCI DI CORI”. Essa è stata fortemente voluta  dalla Commissione per le Pari Opportunità del Comune di S. Cipriano, presieduta dall’avv. Consuelo Ascolese, con la vice MariaRosaria Paraggio, oltre che altrettanto fortemente supportata dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Gennaro Aievoli e dal Dipartimento Cultura,Turismo e Spettacolo nelle persone di Maurizio Mele e Gennaro Saviello , con l’intento di  far conooscere, apprezzare e diffondere la musica polifonica nel territorio picentino. La Commissione, infatti, è consapevole del valore formativo ed educativo dell’appartenere ad un coro, che comporta sacrificio, dedizione, passione e condivisione di intenti: primo fra tutti l’esprimere , attraverso la vocalità e le sonorità più varie, quello che si sente e che spesso,diversamente,non si saprebbe o potrebbe esprimere: insomma il canto corale come  strumento privilegiato per la valorizzazione di ogni persona attraverso la  gioia che dona a chi canta e a chi ascolta. Il pubblico accorso numeroso  ha pienamente apprezzato il progetto della Commissione e gratificato, con applausi scroscianti e richieste di bis, le esibizioni dei Cori. Nella serata della Rassegna si sono esibite tre formazioni, con repertori  musicali diversi, ma egualmente emozionanti e coinvolgenti:

  • GRUPPO  VOCALE “ACCORDO LIBERO “ di Battipaglia(SA) diretto dal M° Teresa Del Mastro, che ha eseguito interamente a cappella brani di A. Branduardi, Javier Busto, Bouvet, Beach Boys e Beatles. L’intento che unisce tale formazione è quello di mettere a disposizione capacità e conoscenze individuali  arricchite da un’attenta e continua ricerca di armonie e scambio di emozioni al fine di promuovere e divulgare i costumi e le tradizioni dei popoli.
  • CORALE PARROCCHIA DI FILETTA di S.Cipriano Picentino(SA) diretta dal M°.Gaetano De Rosa con un repertorio di musica polifonica che spazia da brani di Mons. Frisina a brani del Rinnovamento dello Spirito. Si tratta di una formazione giovanile molto recente voluta dalla determinazione del neo-parroco don Luigi Aversa che, grazie anche alla sua giovane età , coinvolge i giovani della parrocchia  in una miriade di attività e li supporta sempre entusiasticamente.
  • CORO POLIFONICO POLIMNIA CITTA’ DI PADULA(SA) diretto dal M° Annamaria Torresi, con un repertorio comprendente brani di musica pop,musical e repertorio classico oltre a brani per l’animazione liturgica dei riti più importanti.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.