Home » • Salerno

Salerno: Raduno Bersaglieri, Neoborbonici, simbolo vittime meridionali unificazione

Inserito da on 12 maggio 2013 – 06:24No Comment

In occasione del Raduno Nazionale dei Bersaglieri previsto a Salerno dal 13 al 19 maggio; in considerazione di una nuova e sempre più documentata e diffusa storiografia sugli avvenimenti che accompagnarono l’unificazione italiana; in considerazione del ruolo spesso decisivo che ebbero i bersaglieri in molte delle azioni “di guerra” che causarono numerosissime vittime durante la cosiddetta “repressione del brigantaggio” e anche tra i civili; in considerazione delle scuse ufficiali che il rappresentante del Comitato per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Italia Unita, on. Giuliano Amato, anche a nome del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha portato nell’agosto del 2011 al Comune di Pontelandolfo, la cui popolazione fu vittima di una di quelle drammatiche azioni di guerra operate dai bersaglieri; il Movimento Neoborbonico e il “Parlamento delle Due Sicilie”, associazioni culturali impegnate fin dal 1993 nella ricostruzione della memoria storica, hanno inviato ai responsabili del Comitato per il Raduno dei Bersaglieri alcune pubblicazioni con documenti relativi ai fatti citati e li hanno invitati a recarsi in visita presso una delle località al centro di quei tragici avvenimenti di cui furono protagonisti proprio i bersaglieri (da Pontelandolfo a Casalduni, da Pietrarsa alla vicina Auletta) inserendo nel vasto e articolatissimo programma ufficiale un momento di ricordo, riflessione e preghiera per chi è caduto, senza colpe, stando dalla parte dei vinti. Anche dopo oltre un secolo e mezzo, le scuse simboliche possono essere un gesto carico di onore e di coraggio.

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.